Spappolamento. Pulping,or get mashed!


Sì, questo è il mio stato d’animo da espatriato verso il mio paese d’origine.   Insopportabile ascoltare le tv nazionali , siano esse pubbliche , o private. Stucchevole , salvo rari casi di giornalisti seri e preparati , una minoranza, leggere la stampa nazionale imperterrita nel proporre considerazioni pseudo acculturate mediamente legate ai gruppi  familiari che controllano direttamente gli editorialisti,  scelti dai rispettivi C.d.A.   Penoso leggere le considerazioni , le comparazioni, il raffronto tra Francia e Italia , o Spagna ed Italia.

Nessuna!  Il compromesso là non esiste e non viene ricercato! Né in Francia, né in Spagna. Si evita , si limita, si argina la deriva populista, fascista, poujadista.  Si elimina alla radice il trasformismo all’italiana che rende tutti i gatti bigi!  E’ perfettamente democratico.                         Gli analfabeti funzionali che sono in Italia il 48% , che si concentrano nella palude , vadano a votare , ma poi si attendano di essere stoppati. Ma da noi un altro 46% si astiene!

Caso francese, dove tra il primo e secondo turno 4.3 milioni in più sono andati a votare ed hanno fatto la differenza . I valori repubblicani ; libertà , laicità sono sentiti e praticati! In Spagna , i socialisti hanno perso molti voti, ma non hanno scelto di governare con i popolari. Si equalizza questo risultato all’inconcludenza italiana, ma non è così .   Podemos , che non  è certo il movimento padronale Casaleggio& Grillo, vuoto e verticalizzato, ma un coacervo di populismo, socialismo  e di irredentismo catalano. Piuttosto fuori tempo , ma con uno strato sociale ed una selezione seria , non internettiana!   Si assiste ovunque  in Europa ad uno spappolamento dei partiti maggiori , della politica   degli stati sovrani , delle ideologie cattoliche e socialiste e s’incolpa l’Europa . Che idiozia!

L’Europa, se vuole sopravvivere ai prossimi 20 anni , deve integrarsi!!! Negli anni ’60 il PIL europeo rappresentava il 50% del mondo!            Oggi appena il 20%.  Saremo nessuno tra 20 anni se non ci uniamo, integriamo, e mettiamo in comune le risorse umane  e materiali .          Le idiozie alla Tsipras , i voli pindarici di Podemos , di una Catalogna indipendente, il poujadismo versione pseudo fascista del F.N, le zingarate del M5S sono roba da mentecatti culturali,  che una volta al potere devono compiere delle giravolte a 180° per mantenersi ,  rinnegando tutto ciò che hanno detto  in precedenza contro l’euro, l’Europa ecc, ecc., Tsipras docet !   Uno pseudo intellettuale empatico, un pusillanime che ha condotto la Grecia al disastro!

Ecco, vedete noi siamo diversi ,perché protestiamo, andiamo per tetti, siam gli uni contro gli altri armati ,e ancor più contro  gli stranieri , contro il diverso. … Tutto ciò mentre la musica in sottofondo ci accompagna,   come in un gigantesco Titanic,  ad inabissarci.              Ultima manifestazione di xenofobia di questo PD, partito personale renziano,  in ordine temporale,   è il riconoscere l’elemosina dei 500 euro a coloro che compiono i 18 anni.   Nessuno però ha precisato che questa disposizione non vale per i figli degli immigrati nati in Italia!!  

Come si pensa di raggiungere l’integrazione? Creando cittadini di serie A e di serie B ?  Ricreando le “banlieues francesi” ? Che pena , che stupidità ! Ius soli, ius sanguinis, , non si discutono , si mantengono nel cassetto,  che visione immonda.   E questo è il paese che si ritiene cattolico? Forse , ma certo non cristiano!   Ecco il paese che non esiste!   Non esiste in quanto sodale, in quanto unito, ma in quanto formato da 60 milioni di consumatori. Siamo il 4° paese al mondo per ricchezza, 9000 miliardi  di euro , di  cui 5000  in immobili, politicamente allo sbando da ormai decenni, che interessa il mondo e l’UE in quanto paese consumatore.  Che ha vissuto di esportazioni manifatturiere , ma mai ha sviluppato un serio mercato domestico.

Confessionale, eticamente assente, moralmente ridicolo.                          Basti citare il tema dell’eutanasia, ancora una volta posto all’attenzione di un Parlamento inetto  ed imbelle che lascia buona parte dei suoi sudditi arrangiarsi nelle loro piccole esistenze, mentre in tutta Europa si è dato risposta ad un tema assolutamente essenziale . In particolare in un’Italia che vede quasi 1/3 della sua popolazione  oltre i 60 anni!     Purtroppo questo è un paese che,   a mio modesto avviso,  e’ tornato indietro di 20 anni,  vive di forma, non vede,  non pratica la sostanza  e tantomeno cerca di governare la realtà!

La dicotomia tra nord e sud, tra classi , tra chi possiede e non possiede, tra giovani e vecchi. Dove i primi oggi contano nella classe d’età 15/29 anni,  appena il 14% circa,  quando nel ’68 e nei ’70 contavano circa il 25%. Coscienti di non contare niente , non s’interessano alla politica, giustamente,  perché non sono parte integrante , sono ai margini della vita attiva, del lavoro!   Ed allora   “Io speriamo che me la cavo”.         Ecco l’individualismo atavico, riproduce oggi il classismo che  conduce alla sconfitta di una società  che non si riconosce come tale.               Dove ciascuno, con i mezzi che possiede,  si arrangia , lasciando il paese, i migliori, o più fortunati, o  rimanendo e restando disoccupati , o in attesa di….

Quando un paese che era 7° nel G7 20 anni fa, oggi 10° , nel 2025 13° secondo l’OCSE,  il declino è evidente. Ed il declino lo è non solo per l’incompetenza dei politici. Ma per l’incapacità pressoché totale di questa classe dirigente.  A cominciare dagli “imprenditori” che al 75% possiedono la terza media e dove la struttura produttiva è ancora lillipuziana,  97% delle aziende sotto i 15 dipendenti! Dove,  senza investimenti da oltre 15 anni, e con riduzioni salariali, si é creduto e crede di poter restare competitivi!   Dove 3 milioni di giovani sono disoccupati senza una reale  speranza di lavoro   .                                         La mancanza di selezione della classa dirigente che si è manifestata in maniera eclatante negli ultimi 20 anni è assoluta.                                            E non vedo alcun “turning point” nel prossimo futuro.                                In tutto ciò condivido  il pensiero espresso in merito da Cacciari. E non vedo neanche l’uscita di soccorso!

La selezione si attua a cominciare dal sistema elettorale. Prendo il caro Giovanni Sartori, mio professore di scienza della politica. Anche lui espatriato a suo tempo con cattedra  alla Columbia University ,non come visiting professor, la maggior parte di coloro che per tre ,sei ,nove mesi come itineranti visitatori vanno, con raccomandazione, a fare qualche lezioncina in USA e tornano con una aureola di know-how inesistente, riempiendosene la bocca. Quanti impostori!                          Un maggioritario a doppio turno,  senza premi, senza cooptazioni a monte , senza lobbismi …..un tale sistema è avversato. Manderebbe a casa troppa gente!  Non piace ai nostri legislatori  per ignoranza non infrequente. 

Per ottenere un sistema ,quasi perfetto, debbono essere evitate le coalizioni .  In questo paese, storicamente  dedito ai trasformismi, familismi , il compromesso frutto delle coalizioni favorisce la creazione e mantenimento di una struttura settaria , non certo elitaria , che governa comunque,   al di là dei risultati elettorali …                               Non mi attendo grandi mutamenti. Nessuna delle formazioni politiche oggi presenti è genuinamente democratica. Solo movimenti padronali , o personali,  al soldo delle lobbies!

Buona vita a tutti, se ci riuscite …..

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in politica-economia. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Spappolamento. Pulping,or get mashed!

  1. Gian Carlo ha detto:

    Sono secoli che non c’è più coincidenza tra cattolico e cristiano, non solo perchè ci sono formalmente più “modelli” di cristianesimo, ma soprattutto per il comportamento “sul campo” esattamente contrario ai principi cristiani. Pieno di contraddizioni l’attuale cattolicesimo considera lodevole chi adotta figli e poi attraverso politici vicini ad esso ostacola l’integrazione di chi è nato in Italia (vedi contributo ai 18enni negato). Lo stesso fenomeno di distacco dalla “vera” religione si nota anche per le religioni islamiche che, evidentemente con la ricchezza dovuta al maledetto petrolio, si sono distaccate dal pensiero religioso di base. Al fondo queste religioni deviate sono le vere colpevoli occulte di buona parte di ques
    ta situazione e non vengono mai individuate come i veri colpevoli: sempre anti-progresso, anti-europee, anti-nazione, anti-umanità, anti-individuo.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.