FIERO DI QUESTA EUROPA. ULTIMA SENTENZA DELLA CORTE EUROPEA (E’ una Bufala ! )


 

La notizia che ho commentato é purtroppo una bufala nella quale sono caduto. e  ne chiedo venia ai miei lettori. Ciò che ho scritto come commento invece é il mio pensiero in merito. Come tale,  a futura memoria , ritengo di poterlo lasciare. Le considerazioni successive restano senza dubbio valide. Ho preferito lasciare il testo originale , piuttosto che cancellarlo. Tutti noi in una girandola d’informazioni possiamo cadere nella bufala. Oggi é toccato a me! 

 

Dispositivo della sentenza:

L’Italia, permettendo il battesimo ai neonati viola la carta , articolo 9 della Convenzione Europea in combinato disposto  con l’art. 14, in quanto i neonati non sono ancora in grado d’intendere  e di volere, o emettere un’atto personale e cosciente e , nella fattispecie sono obbligati a far parte di un’associazione religiosa per tutta la vita.                                                               L’imposizione del rito , definito sacramento,  tradisce il carattere di una dottrina che considera le persone come oggetti, il cui destino é deciso a loro insaputa da un’organizzazione  religiosa.                                                               Infatti il battesimo impone al battezzato un sigillo indelebile, facendolo diventare a tutti gli effetti un’ iscritto e  membro a sua insaputa   e volontà , assoggettandolo  ai suoi regolamenti ed alla sua autorità.                                   Come si evince  dal  canone  96 del Codice Cattolico di diritto canonico: mediante il battesimo l’uomo é incorporato alla Chiesa di Cristo ed in essa  é costitutito persona, con i doveri  ed i diritti  che ai cristiani , tenuta presente la loro condizione  , sono propri”.

Questa pratica lede il superiore interesse del bambino, sancito dall’art.3 dalla Convenzione internazionale  sui diritti dell’infanzia ratificata dall’Italia il 27 Maggio 1991 con la legge n°176 che prevede che in ogni decisione , azione legislativa, provvedimento giuridico , iniziativa pubblica , o privata deve salvaguardarel’interesse del bambino”.

Il Governo Italiano , entro sei mesi ( pena le sanzioni previste per le procedure d’infrazione) dovrebbe adottare le relative riforme di Legge per rimediare alla violazione.

Sono profondamente fiero di quest’ Europa, di questo tipo di Europa. Un’Europa che ha il dovere di far rispettare e nel contempo sancire i valori e contenuti dei più semplici ed elementari diritti soggettivi ed individuali. Entusiasta che si ricordino i valori universali laici. Contrariamente a molti altri casi nei quali il Parlamento italiano nelle varie componeneti politiche e partitiche, sotto il dettato di potenti lobbies , non accetta di  recepire la normativa europea nell’ordinamento giuridico italiano. Eh sì , perché molte sono le normative europee non recepite in Italia . 

Intendo dire che  una moltitudine d’ italiani ritiene  le leggi europee  cogenti e che esse possano imporsi ai Governi nazionali “ipso facto”.                                    E’ esattamente il contrario!   Sono da rispettare solo leggi , o trattati che sono recepiti attraverso leggi italiane che le rendono vincolanti. La sfera delle leggi europee che ci dividono dal progresso, dalla vera democrazia é enorme.  E qui non é in gioco la sola posizione della S. Sede per la quale lo Stato italiano già in precedenza é stato posto in stato d’accusa. Il tema dell’imposizione fiscale per la quale gode di privilegi anacronistici e che tutti i partiti politici inclusi  grillini ,  leghisti, i piddini, insomma tutti , sono da sempre legati per una stupida forma di servilismo dovuto all’errato concetto del voto di scambio politico e del peso di questo voto.

I credenti praticanti sono in Italia appena il 28%. Ed i miliardi d’imponibile annui non versati , né richiesti sono ben 14 !!!!                                                         Due pesi ,  due misure questa é la tragedia del comportamneto anti etico e anti morale formatosi nel tempo. La logica dell’accettazione . Il rispetto per il potere , al di là di ogni sindacabile ragione.  Il classismo di ritorno fondato sulla preminenza di determinati interessi. Le rendite di posizione che stanno facendoci ritornare agli anni ’50 quanto a distribuzione della ricchezza sul territorio. La parabola berlusconiana, quella del berlusconismo, l’attuale omogeneizzazione a questo tipo di bassi interessi da parte del PD conducono sempre ad una unica verità. La concentrazione del potere in questo paese é l’aspetto più nefasto. 

La concentrazione dei mass media nelle mani di un ristrettissimo gruppo di famiglie  é sempre più deleteria.  Quella famosa legge sul conflitto d’interessi  non ha mai più riconquistato le prime pagine . Intanto in questi ultimi 20 anni il processo di concentrazione si é ancor più acuito. Difficile pensare che dall’interno possa risorgere. L’unico modo é la visione europea.                         Su questo tema l’Italia , il paese,  avrebbe estremo bisogno di riconquistare un minimo di  progresso, di modernità , di cambiamento . Quello vero!        

Un cambiamento che possieda una visione del contesto mondiale nel quale ci muoviamo, una seria progettualità . Una pianificazione  che possa avanzare affidata ad  una task force europea che abbia compiti specifici e si muova in modo intergrato. Vedete il mio approccio personale , avendo vissuto abbastanza e frequentato vari livelli privati e pubblici , é che non fidandomi affatto di questa furbizia nazionale, che troppo spesso termina in dabbenaggine, credo occorra integrarsi ulteriormente. Smettiamo di affidare la gestione a Regioni  incompetenti e prendiamo  risorse e finanziamenti  gestendole  a livello europeo.

Ma torniamo agli aspetti ed ai temi più profondi che attengono ai valori fondanti dell’Europa.  Se vogliamo riprendere in mano il nostro destino europeo dobbiamo ricacciare nell’ombra  questi neo nazionalismi che sono il prodotto di paure abilmente agitate dai mestatori populisti.                                Si stava meglio quando si stava peggio. Questo l’incipit che balena sulle teste dell’ignoranza. Un’ignoranza che da noi é purtroppo crassa! Rivedere i trattati, avanzare sulla strada della devoluzione dei poteri nazionali. Superare le idiosincrasie contro una maggiore integrazione.  Un nucleo di paesi dovrebbe costitutire il fulcro attorno al quale formare la nuova Europa che si doti di un unico esercito, di un’unico confine, di un’unica politica estera, di un’unica fiscalità e tassazione , di un’unica gestione del patrimonio comune.

Credo sinceramente che solo in questo modo il nostro paese potrebbe risorgere ed eliminare quel malcostume politico   che ormai ci contraddistingue da decenni.

Buona vita a tutti

 

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in politica-economia e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a FIERO DI QUESTA EUROPA. ULTIMA SENTENZA DELLA CORTE EUROPEA (E’ una Bufala ! )

  1. bortocal ha detto:

    forse non hai aperto il link: Libero di oggi la dà come notizia vera!

    vero che sappiamo che razza di giornale sia…, ma possibile che abbiano creduto alla bufala anche loro?

    Mi piace

  2. exult49 ha detto:

    Ciao , buone feste, anche se in ritardo. E’ una bufala e non so se ci sono caduto solo, o in compagnia..
    Ma come ho scritto visto che il mio pensiero resta il medesimo ho preferito con onestà intellettuale laciare il testo . Sai , forse, tanto era il desiderio di veder realizzato questo diritto che ho voluto fermissimamente crederci, anche se per pochi minuti….

    Mi piace

  3. bortocal ha detto:

    ma, scusa, carissimo, questa notizia è una bufala, oppure no?

    se è una bufala, potrebbe esserti di conforto non esserci cascato da solo: http://www.liberoquotidiano.it/news/11598242/La-Corte-europea-ci-vieta-di.html

    Mi piace

I commenti sono chiusi.