LIBIA : CONSIDERAZIONI CIRCA UN NUOVO INTERVENTO MILITARE


Map of the three . After independence in 1951,...

Map of the three . After independence in 1951, until 1963, Libya was divided into three governorates (‘): , , and . Español: Mapa de las tres governorates de Libia: Tripolitania, Fezzan, y Cirenaica. Français : Carte de les trois governorates de Libya. (Photo credit: Wikipedia)

Su richiesta di alcuni amici lettori cercherò di approfondire e dar seguito ad alcuni temi “collaterali” che sono stati sollevati che riguardano più specificatamente la Libia.

English: Seal of the United States Africa Comm...

English: Seal of the United States Africa Command (AFRICOM) (Photo credit: Wikipedia)specificatamente la situazione libica.

A) L’assedio al Ministero degli Esteri e della Giustizia durato due settimane , contrariamente a quanto riferito dalla stampa, ha avuto come risultato, imposto dalla piazza , la promulgazione della legge che ha posto fuori dalla politica la nomenclatura ed il ceto dirigente a tutto vantaggio degli islamisti radicali.                                 B) Dopo 18 mesi dalla caduta del regime di Gheddafi il governo libico é, e resta ,  incapace di opporsi alle milizie  non riuscendo ad imporre una propria autorità.                          C) L’enorme vuoto creatosi é stato riempito da una moltitudine di bande armate che occupano le strade e rifiutano di sciogliersi.      D) Come afferma Robert Kaplan “La Libia é passata dall’essere uno Stato tirannico a non essere per nulla uno Stato” ! Il vuoto ha permesso il saccheggio degli arsenali del regime senza che vi fosse un’esercito, una polizia  capace di fermare la distribuzione delle armi.                                                    E) L’intervento militare Nato nel 2011 si é rivelato un’enorme errore strategico e politico.  Politico perché esclusivamente finalizzato alla caduta del regime,  strategico perché in assenza di strutture istituzionali, cosa ben nota, ha di fatto innescato e detrminato il disordine ed il caos attuale.                                              G) L’eventualità di una separazione tra Cirenaica e Tripolitania ritorna prepotentemente alla ribalta, anche per la mole e l’impatto degli interessi economici che una tale separazione comporterebbe .  L’anno scorso il Congresso del Popolo della Cirenaica avanzò una richiesta per una maggiore autonomia. Ma la possibilità di una Libia federale é l’anticamera di una secessoine definitiva.  3/4 dei giacimenti  di idrocarburi sono situati in Cirenaica.                                                                                                                                      H) Le possibilità che il governo provvisorio del Primo Ministro Alì Zidan riesca a gestire la situazione  politica sono quasi nulle.  

La prospettiva di un intervento.  

L’incapacità dei think-tank americani quanto a decodificare le situazioni geo-politiche in altri emisferi ed a valutarne l’impatto politico sono ormai note .  Basti andare a ritroso negli ultimi 60 anni e vedere quante guerre vinte sono state perse nel giro di pochi anni.  La questione é molto dibattuta.         Ma certo é che una conoscenza approfondita, non “internettiana”,   del territorio e degli uomini che su quel territorio vivono da centenni aiuterebbe molto personaggi che amano disegnare scenari privi di fondamento .                            

Per tornare al nostro caso gli occidentali , francesi, anglo-americani hanno creduto che sostenere bande di straccioni  per rovesciare il governo di Gheddafi fosse l’arma vincente e risolutiva . Si é dimostrata un’operazione tragicomica, se non fosse per quei poveracci che stanno rimettendoci la pelle.    Un’encomio da parte mia é dovuto , ed i miei lettori sanno quanto parsimonioso sia con il mio paese e la sua politica,  alla strategia seguita dall’Italia.                                                                                                                                   Più coinvolta di altri, con enormi rischi di perdere quella relazioni costruite a fatica nel tempo , ha cercato soluzioni più adatte e meno accidentali, perseguendo fino ad oggi il mantenmento di obiettivi quasi perduti sulla carta.                                                                                                                                                La volontà di scardinare lo scacchiere e con esso le nostre posizioni era evidente. La mancanza d’informazioni e la sicumera degli strateghi hanno determinato il pantano odierno.                                                                                 Ribelli senza convinzioni politiche , senza obiettivi determinati,  indottrinati e con scarsa alfabetizzazione  hanno condotto ad una situazione politica e sociale  opposta a quella  erroneamente attesa e prevista.                                        

Non ci si rende conto che là visione del mondo per certi versi é rovesciata . Un’intervento militare  oggi , nel caos attuale, sarebbe come gettare benzina sul fuoco.  Inasprendo rapporti e relazioni, il nazionalismo arabo spesso vuoto ed imbelle, il panarabismo , ormai sepolto, ed un regalo immenso ad Al-Qaeda ed alle frange estreme dell’islamismo più radicale.                             Lasciamo perdere il Comando Combattente  Unificato , Africom, basato a Stoccarda.                                                                                                                                Lasciamo perdere  le esercitazioni Flintlock , missioni che tendono ad implementare  l’interazione  tra USA ,Europa e Africa e le operazioni congiunte svolte in Mauritania recentemente .                                                          

Occorre cambiare radicalmente strategia e politica.                                                 Lasciamo perdere gli interventi militari che non conducono a niente se non sono suffragati da precise volontà e da altrettanti fondi, oggi inesistenti. L’Europa per prima  dovrebbe per territorialità e prossimità prendere la guida politica in questa parte del mondo.                                                         Abbandonare  l’appoggio precedentemente dato alle forze islamiche che, di fatto,  combattono i regimi laici .                                                                                          

Ridare peso e valore ai principi democratici collettivi ed individuali,    operare una selezione  radicale delle borghesie nazionali laiche ed anche confessionali che da sempre governano quei paesi e che sono realmente  in grado di farli progredire socialmente.                                                               L’intervento militare del 2011 ha aperto la cataratta della “no man’s land” e dato luogo al caos.  

In Nord -Africa non c’é da vincere  una guerra  , ma da vincere  una pace! Occorre un maggior coinvolgimento politico – economico tra Nord e Sud del mediterraneo.   Ma non quello europeocentrico propagandato da Sarkozy e finanziato da Gheddafi, ma una vera partnership basata su principi di seria collaborazione ,senza chichirichì, senza galli nel pollaio, senza tutori esterni capaci di determinare il risultato al tavolino della Storia. Anche perché le ciambelle non sembrano assecondare il risultato previsto ed i buchi costano all’erario ed alle tesche dei cittadini di quei paesi.

Buona vita a tutti.

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in politica-economia e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a LIBIA : CONSIDERAZIONI CIRCA UN NUOVO INTERVENTO MILITARE

  1. fausto ha detto:

    Resta fermo il fatto che ci faremo manovrare come pupazzi: le basi da cui partiranno ancora una volta i raid in Libia saranno ovviamente le nostre. Così come è stato con i bombardamenti del 2011. Esporci al ludibrio in questo modo è dannoso: non possiamo proporci come mediatori o come partner commerciali se ci prestiamo a simili porcherie militari contro i nostri supposti alleati africani. Per ora non possiamo fare molto altro che guardare e tacere, l’imperatore decide per noi.

    Mi piace

  2. redpoz ha detto:

    esattamente la stessa strategia che si è seguita in passato (Afghanistan) e che si segue oggi in Siria.
    più conveniente, dal punto di vista economico, militare e politico, di un intervento diretto nel breve termine.
    terribilmente distruttiva nel lungo termine.
    queste milizie, come tu stesso scrivi, hanno fondamenti ideologici e politici spesso radicalmente diversi e sono accomunate solo dal comune nemico. ovviamente, una volta vinto il conflitto dovranno regolare i conti fra loro e le armi saranno lo strumento preferenziale.

    condivido, a grandi linee, la strategia proposta.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.