E’ LA DEMOCRAZIA RAGASSI!


Bersani a Bologna

Bersani a Bologna (Photo credit: framino)

Eh sì, proprio così direbbe il buon Bersani. E’ davvero incredibile per una formazione che ha raggiunto in termini reali non più del 15%, nel senso che il 30% degli elettori non ha espresso il proprio voto non recandosi alle urne,  che quindi quel 23% conseguito,  rappresenta appunto la forza del guitto e del suo compare markettaro  Casaleggio. Cialtroni, oltre che buffoni.

Hanno forse creduto che bastassero le urla , gli improperi, per mettere a soqquadro le istituzioni del paese. Ma soprattutto hanno maledettamente errato nel prendere di mira il PD.  Il solo Partito “democratico”  oggi esistente.  Gli altri essendo dei movimenti padronali .  Devo ammettere che i media, berlusconiani e non,  li hanno molto aiutati.  Il negarsi alla stampa, un toccasana per la loro mancanza di cultura e di competenze.  Non se la sono presa con il PDL , come storicamente sembrava  dover essere.  

No, nel mirino, finite le elezioni , c’era il PD ed il povero Bersani. Una persona onesta che, mentre gli altri per l’ennesima  volta prendevano per i fondelli il popolo sovrano con l’IMU e la riduzione delle tasse,  lui parlava di lavoro, di occupazione, dei veri problemi degli italiani.   Ma niente.

Vedete anch’io sono convinto che manchi di leadership, nel senso che non é per natura un trascinatore di folle, ma allora cosa dire di Angela Merkel, o di François Hollande?  Nessuna di queste  figure ha più carisma di Bersani.         E credetemi , perché li ascolto e li seguo sui loro media e nelle loro lingue.  Ma vedete i tedeschi ed i francesi non giudicano i loro leaders per la capacità di trascinare le folle, per la loro empatia, per l’amabilità salottiera delle loro barzellette,  ma per la serietà delle loro proposte , la valutazione di riuscita che il loro partito e le loro classi dirigenti sono in grado di realizzare.           Noi siamo rimasti beoti ed apprezziamo il “saper parlare”, non il contenuto, la forma!

Non solo, ma quei popoli esercitano un controllo sui loro politici ed partiti che gli italiani non hanno né capacità culturale, né informazione, né soprattutto voglia di esprimere.   Diciamocelo .   Se non peggio, quando chiedono favori e ritengono che i semplici  diritti del cittadino possano essere bypassati da raccomandazioni.  Insisto molto sulla capacità di esercitare i diritti , non confondendoli con i favori.  

Quella società civile di cui tanto si narra é marcia , in decomposizione, altrettanto, se non più,  dei politici che elegge.  Quanto quegli imprenditori che piangono e fottono il denaro dello Stato, o le lobbies che hanno libero campo nel mantenere lo status quo , o le banche che hanno enormi responsabilità . I cui consigli di amministrazione stanno proprio in questi  due mesi rinnovandosi , e di cui nessuno parla, nonostante il peso enorme che hanno sulla vita degli italiani.

Ma tornando a Bersani desidero rendergli l’onore delle armi, così come  a parte della sua segreteria, che non ho mai molto amato. Non sono un comunista, non lo sono mai stato, ma credo di saper riconoscere l’onestà intellettuale.   Ha provato fino in fondo a realizzare l'”en plein”.   Era riuscito a mettere Berlusconi fuori dalla partita.   Chi ha mancato sono i suoi detrattori e traditori  , dalemiani e renziani.  Il popolo della sinistra é stato ascoltato, ma poi tradito.  Il PD é imploso .  Doveva accadere , come affermavo recentemente , ma  credevo accadesse al congresso.                        Non ora , non così.   Quindi M5S ha vinto la sua battaglia. Di Pirro.  Berlusconi é stato riammesso ai giochi.  Non perché abbia  vinto, no, per implosione del PD . E lui lo sa benissimo.  E credo non ne sia affatto felice.

Il neo fascismo  nei modi , nella comunicazione del Movimento 5 stelle  é chiaro a molti, ma sembra non essere compreso.  Il desiderio di cambiamento si é trasformato in uno sterile confronto con il PD pronto, almeno in parte, a mutare l’assetto. No, ma loro i duri e puri,  volevano cambiare tutto e tutti.  Loro detenevano l’unica verità.                                       Usando i soliti 45/50 mila pirla del Web, hanno goduto di  un ‘audience enorme  dai media ,  una copertura connivente  ed idiota.  

Con dei capigruppo quali Crimi e Lombardi sono andati in TV ad ogni ora,  raccontando idiozie, con un’ ignoranza spaventosa circa il sistema istituzionale,  il suo funzionamento e la stessa costituzione.  Dei pirla di dimensioni mastodontiche, degli ottusi Gargantua&Pantagruel,  a capo di 160 poveri pirla incapaci che, non potendo modificare alcunché in Parlamento, cercavano di farlo fuori manifestando. Ma contro chi, contro loro stessi? Sono eletti dal popolo , giocano ai cittadini, fanno foto di gruppo, si nascondono, un teatrino.  

D’altronde, che dire,  il loro demiurgo é un clown, no scusate ,un povero guitto !  Povero per cultura e capacità, non certo quanto a patrimonio!         Ma certo , aveva ragione il capo della SPD tedesca,  gli italiani hanno eletto due buffoni.  Ritorniamo alle ultime battute.  Rodotà.  Il desiderio d’imporre un loro candidato,  come se fossero gli altri a dover accettare, non si comprende in nome di cosa . Inaffidabili, incompetenti, hanno finito per scoraggiare qualsiasi buona volontà di dialogo.

E’ risultato evidente che non si potesse affidare a questi imbecilli il destino malandato del paese . Ho scritto sul  mio muro che il 90% degli italiani non conosceva né Rodotà , né le sue posizioni , né tanto meno  suoi testi giuridici.  Ma fior fiore di cittadini reclamavano a gran voce la sua elezione.                      

La sua elezione l’ho dichiarata defunta alle ore 11 di oggi. Era evidente.  Sono riusciti nell’intento di spaccare il PD . Non avranno nient’altro.                            Su Twitter ho scritto, “adesso avveleniamo i pozzi” .  Nel senso, da ora nessuna persona di sinistra, fornita di un minimo d’intelligenza, darà il minimo spazio di credibilità a questi  accattoni.

Mi spiace molto che il Sel abbia ritenuto di dover seguire il M5S in questa fase. Ma con onestà intellettuale,  riconosco loro di essere stati leali.  Fino all’ultima votazione. Con il voto “R. Prodi”  hanno mostrato lealtà al PD ed al suo segretario. Con l’elezione di Napolitano, ovviamente  a tempo , il M5S é definitivamente fuori. Se vorranno voteranno quelle poche riforme che saremo in grado di fare, se no voteranno contro e chi se ne frega. Si sono autoesclusi.

Bersani si é vendicato nel modo più serio ed ovviamente pensando al destino del paese.  Adesso andremo ad un governo di scopo, o del Presidente.                                 Lo spazio di manovra concesso al guitto ed al suo sgangherato movimento si é ristretto e sarà sempre più limitato.  Nel PD si apre la notte dei lunghi coltelli.  Renzi ed i suoi saranno messi al confino. La maggioranza degli elettori del PD lo detesta,  quanto quello esterno finge di amarlo.                     Chi decide  comunque saranno i primi.  Quanto ai dalemiani  “dovranno essere silenziati” per non compromettere oltre le sorti del partito.                       Sì, si tratterà  , a mio avviso,  di un’epurazione consensuale……..

Infine i cattolici.  Basta.  La radicalizzazione in atto pone in effetti una scelta.  Se restano, devono accettare una visione laica del partito e dello Stato. Il credo, di ogni genere,  resta fuori.   Da qui discende l’apertura a temi come eutanasia, unioni civili, delle stesso sesso, concessione di nazionalità ai figli d’immigrati, a tutti quei diritti individuali compressi e repressi fino ad oggi.

Torniamo a far parte dell’Internazionale socialista, riprendiamoci la nostra intera identità.  Torniamo seriamente a fare politica sul territorio, nel territorio, con il territorio. Il modello di partito futuro, che credo possa condurci a questo traguardo, é quello espresso nel suo manifesto da Fabrizio Barca.   Mi auguro sia più colloquiale, meno intellettuale nell’espressione politica,  per raggiungere il più alto numero possibile di elettori.                          Sì perché credo che in autunno, o al massimo la primavera prossima, saremo di nuovo chiamati alle urne. E  dobbiamo essere pronti. Saremo più leggeri, in numero ridotto, ma saremo certamente più credibili. E questo è ciò che conta.   Forse , allora, Vendola ed il Sel  torneranno a casa.

Buona vita a tutti.

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in politica-economia e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a E’ LA DEMOCRAZIA RAGASSI!

  1. redpoz ha detto:

    mah, la Merkel è un pò che non l’ascolto in tedesco, ma forse un pochino in più di carisma ce l’ha…

    Berlusconi non ha vinto, ma il nostro disastro l’ha rimesso in sella. poco cambia…
    così Grillo ha ottenuto un’altra immensa vittoria, forzandoci ad un compromesso terribile col giaguaro. vittoria di Pirro, certo, ma intanto noi siamo quelli nella situazione peggiore- situazione nella quale ci siamo cacciati da soli- ed uscirne sarà durissima.

    Ti dirò che personalmente avrei fatto tre cose diverse:
    a) avrei rivotato Marini alla seconda e magari anche alla terza, tanto per triturarlo un pò di più sull’altare berlusconiano e rendergli inequivocabile questa possibilità;
    b) avrei votato Rodotà alla quinta, magari anche alla sesta: per rendere chiato a Grillo che (nonstante le nostre fratture) il loro candidato non sarebbe passato;
    c) avrei ripiazzato Prodi…. ma forse qui esagero.

    su SEL mi ha scandalizzato la lettura di un nostro onorevole che ieri sosteneva che avessero rotto il patto di coalizione non votando Marini… cazzate.
    certo, andare con M5S su Napolitano è stato un errore.
    chiunque abbia tradito, quegli infami, vanno espulsi.

    ed ora il partito dovrà fare tanta, tanta chiarezza.

    Mi piace

  2. ildamarino ha detto:

    Sono spiacente ma dalla politica esco per il grande disgusto di vedere Berlusconi gongolante e i suoi, Gasbarri in testa, affermare che l’implosione del PD è una grande vittoria del nano! Il PD comunque si formi non mi avrà più perché ho perso fiducia in loro e se dovessi dire quello che penso dei suoi componenti, Renzi per primo e D’Alema appresso, dimenticherei la mia buona educazione…. Forse sono troppo retta e onesta (me lo dico da sola) per poter stare a sentire questi cialtroni, venduti, ladri e corrotti perché i 101 che hanno tradito solo questo sono

    Mi piace

I commenti sono chiusi.