CHIESA CATTOLICA E IMU


Photo of Army Parade in Rome, 2 june 2006, Fes...

Chiesa di San Giusto, Comune di Porcari, Tosca...

Chiesa di San Giusto, Comune di Porcari, Toscana, Italia (Photo credit: Wikipedia)

2 Giugno - Festa della Repubblica

E’ profondamente inaccettabile il trattamento che il governo tecnico (figuriamoci se fosse politico) stà riservando, con dovizia di sotterfugi,   aggiustamenti ed interpretazioni varie,  all’imposta sul patrimonio ecclesiastico tanto sbandierata fino a sei mesi fà.  Dopo il parere negativo  dato al testo precedente dal Consiglio di Stato che  riteneva il trattamento riservato alle proprietà della  chiesa cattolica inammissibile ed inaccettabile perché  discriminante quanto a parità di trattamento tra soggetti sottoposti ad imposizione (cittadini e società italiane vs.chiesa)   e particolarmente oneroso per le casse dello Stato .

La Commissione Europea ha ultimamente minacciato il Governo italiano di applicare una sanzione di circa  9 miliardi di euro se, entro fine Dicembre , non si addiviene alla  risoluzione del contendere. Il ministro delle finanze Grilli , in quota PDL , aveva affermato che le categorie ed il concetto di imposizione ,circa le diverse attività nelle  quali la chiesa si trova coinvolta a vario titolo,  sarebbero stati chiariti e definiti nei dettagli.

Purtroppo tutto ciò non solo non é avvenuto, ma peggio,  si tenta ora di allargare ancor più le maglie della non imponibilità,  modificando a dismisura la definizione di ente No Profit  ( Decreto Enti Locali N°174 , art. 9 comma 6 .Poche parole che ampliando la delega,  modificano l’art.91 bis della legge sulle liberalizzazioni del Febbraio2102, che introduceva la tassazione per la Chiesa cattolica )

 Così questo governo di “BACIAPILE” inveterati , conferma gli sconti.          Cioé si é trovato “l’escamotage”  nel definire “non commerciali” le attività  di quelle Onlus che hanno permesso ad esempio al S.Raffaele , o alla Fondazione Maugeri ,proprietà ecclesiastiche,  di creare buchi da 1.5 miliardi la prima e circa 1 , la seconda , tuttavia figurando No profit. Questa formulazione non solo contrasta con il Codice Civile applicato ai cittadini ed alle società italiane , ma risulta ancor più discriminante ai fini fiscali , poiché di fatto crea nei vari settori di appartenenza, attività che non rispondono alla benché minima regola di rispetto della concorrenza.

Ovvero se questo é il testo che il governo Monti pensa di far passare , l’Italia verrà senza alcun dubbio multata dalla Commissione, ed in quanto Paese saremmo alla berlina d’Europa in un momento nel quale i cittadini italiani sono iper tassati . Alla Chiesa si permette invece di restare indenne e di non dal partecipare alla solidarietà dovuta alla comunità nazionale. 

Ma la cosa peggiore é che non si tratta di una quisquilia! Giusto per darvi un’idea in sintesi del patrimonio di questa piovra che é il patrimonio e le attività  della chiesa cattolica sul territorio italiano eccovi alcuni dati:  

– 8779 Scuole , di cui ;  135 universitarie , o parauniversitarie,                                6228 materne, 1280 primarie, 1.136 secondarie 5 grandi università,           2.300 tra Musei e Biblioteche,                                                                                               Nel Settore Sanitario in cui in certe regioni (Lombardia e Veneto) il peso supera il 40% del globale ,  4712 Centri,  di cui ;  399 nidi, 534 consultori familiari, 1.669 centri di difesa della famiglia,   111 Ospedali di medie dimensioni,   10 grandi Ospedali,   1.853 case di cura, 136 ambulatori e dispensari.                                                                                                                     Strutture ecclesiastiche 49.982 ,  di cui ; sedi vescovili 118, 36.000 parrocchie, 12.000 oratori , 1000 case generalizie,,360 seminari,  504 conventi. 

Se questo in termini di  patrimonio vi pare poco,  vi sono poi le innumerevoli attività che a vario titolo vengono definite , No Profit,   ovvero che non sono definite attività commerciali. Le innumerevoli Onlus che  gravitano nella galassia  di C. L. e dell’Opus dei.   Con la  definizione adottata la quasi totalità di queste ultime non verserebbe alcunché  in quanto rientrerebbe  nel quadro d’immobili ad uso misto,   da cui chiaramente traggono enormi profitti. Pensate alle cliniche , alberghi, ostelli, mense , sedi varie, tutto ciò sparirebbe.  Pensate,  solo nella città di Roma la chiesa possiede oltre 40 alberghi,  di cui 8 quattro stelle con personale misto , a prezzi medi tra 90/120 euro  a camera.

Secondo quel ministro delle finanze che dovrebbe salvaguardare gli interessi dei cittadini italiani quegli importi non dovrebbero essere tassati !(sic)           Da perfetti intellettuali disonesti,  ladri con tanto di patacca!  Secondo lo stesso ministro, gli alberghi limitrofi , che invece le tasse le pagano , come dovrebbero comportarsi? Ecco che allora la Commissione Europea dirà ancora una volta , la terza dal 2006 , quando questa storia é cominciata , che il Governo italiano é inadempiente alla normativa e privilegia strutture commerciali a scapito di altre. 

Il colmo dei colmi é che quelle strutture non sono neanche italiane,  ma  straniere,  alla faccia di quei cattolici che tanto sbraitano sulle tasse che devono al loro Stato.  I cattolici in questo paese ignorante e becero , s’indignano per la comunione alle coppie di fatto, per i matrimoni  omosessuali, per l’eutanasia, ecc. ecc.  

Poi quando  il “loro referente spirituale” immaginario , fotte per ben 4.5/5 miliardi di euro d’imponibile annui lo Stato , cioé tutti noi, non solo non profferiscono verbo , ma anzi , trovano scusanti incredibili per quelle gerarchie ecclesiastiche che un giorno sì e l’altro pure ci invitano a comportamenti etici e di solidarietà. …..   A me sembra proprio di vivere in un paese di m….!

Non sò voi….  Sapete si può accettare una minima disgrssione , ma quando tra la realtà e la forma per secoli si é creata una tale , assoluta dicotomia,   il momento di gridarlo ed affermare la propria indignazione,  anche a male parole, se ve ne fosse bisogno , é finalmente giunto !  Ma vedete , quei populisti che sono tra noi tacciono. Grillo? L’avete mai sentito attaccare il Vaticano. No, dai 4 suoi  milioni di euro d’imponibile annui ,   il guitto tace, ma  attacca le lobbies ebraiche, solo perché la sua degna moglie é iraniana…….

Berlusconi ci ha campato  con la chiesa cattolica,  che lo ha fortemente supportato per decenni. L’ha usata e strausata per sfruttarla appieno come portatrice e  cloaca di consenso politico,  dandole in cambio mano libera nell’espandersi alle spalle del denaro pubblico , sia nel settore dell’istruzione, nel ventennio più che raddoppiata, anche nelle rette, sia in quello sanitario,  riducendo ciò che appartiene a Cesare e regalandolo alla Chiesa . Facile fare il finanziatore ed il mecenate con i soldi degli altri…….

Giusto per darvi un’ulteriore dato, ciòé  dal 2006 , perché questa é la data della distriba , la Chiesa , secondo calcoli fatti  , deve allo Stato italiano circa 3 miliardi  di euro tenendo conto che questa cifra già esentava 50% del patrimonio ecclesiastico, si calcola in  circa 500 milioni il gettito annuo.        Ma in realtà lo stesso Consiglio di Stato, considerava l’ammontare così determinato ampiamente a favore della chiesa , poiché molte attività “no profit”  erano di fatto attività a tutti gli effetti commerciali.

D’altronde se i cittadini pagano profumatamente le cliniche, gli ospedali, le rette delle  scuole , le università cattoliche  , non si comprende perché quegli introiti non siano tassabili sul territorio italiano. Forse perché avvengono e sono esercitate in immobili di proprietà della chiesa?

Mi pare un ragionamento da stupidi , oltre che giuridicamente errato.     Ovvero, lo Stato Italiano riconoscerebbe a quegli immobili le stesse garanzie di extraterritorialità che si riconoscono, secondo la Convenzione di Vienna,  ai consolati ed alle ambasciate . Bene, allora invito il ministro , spero ancor per poco, Grilli , a piazzare di fronte ad ognuno di quegli immobili la guardia di finanza , affinché  si richieda il passaporto per poter accedervi  e multare i residenti per esportazione illegale di divisa.

E’ evidente che quanto detto esula dalla normale  amministrazione delle giustizia , ma credetemi,  se i nostri governanti ci vengono a raccontare che tali patrimoni per le ragioni suddette  non sono imponibili , bene allora quanto da me descritto diviene concettualmente logico e razionale.  All’imbecillità e cialtronaggine del potere politico,  non si può che rispondere con altrettanta cialtronaggine.  Ricordo ,per i cultori della materia,  che il cialtrone Mussolini, colui che firmò i Patti Lateranensi, quando la Repubblica di S. Marino volle distinguersi dal fascismo rampante, minacciò di rendere la visita degli italiani verso quel paese possibile, solo a coloro che detenessero un passaporto.  All’epoca neanche l’1% della popolazione. 

Bene,  é facile fare i deboli con i forti , la cloaca del consenso era valida allora come oggi, ed i forti con i deboli , i poveri sanmarinesi di allora.  Non sembra che sia cambiato granché da allora, i catto moderati riescono sempre a fottere e restare come l’ago della bilancia in posizioni tali da ricattare il resto del paese.  Quanto questa povera Italia, formata da tanti vecchi parrucconi timorosi,  dovrà attendere prima di essere finalmente liberata dai lacci e lacciuoli di questa tragicommedia. 

Oltre al costo della politica, ricordatevi che noi manteniamo uno Stato estero che ci fotte denaro quotidianamente nei modi più disparati e finché nessun politico griderà “urbi et orbi” questa onta civile , a destra, come a sinistra , non ci sarà pace , né giustizia in Italia. Quei 3 miliardi potrebbero essere usati per creare , come in Francia,  dei contratti d’inserimento al lavoro per migliaia di giovani disoccupati!

Fin quando continuerà questa ingerenza mefistofelica  della religione nella politica italiana,  finché regnerà la confusione tra ragione e fede , la maggioranza laica degli italiani  avrà sempre su di sé l’onere di vivere in un paese dove i diritti fondamentali , i diritti soggettivi, sono calpestati .

In nome di una fede , di un credo che non solo non li rispetta e riconosce , ma li combatte considerandoli inaccettabili , come  nemici , o peggio ancora,  blasfemi.  In queste condizioni invece di essere cittadini di uno Stato  ci ritroviamo, nostro malgrado,  all’essere tutti delle marionette. Dove società reale é altro rispetto alla visione e percezione che di questa si vuole dare.

Buona vita a tutti

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in economics, politica-economia, Relazioni Stato / Chiesa Cattolica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a CHIESA CATTOLICA E IMU

  1. Pingback: 551. e rimetti a noi la nostra IMU… « Cor-pus

  2. exult49 ha detto:

    Dopo aver ascoltato il confronto dei partecipanti alle primarie del PD non nascondo il mio, del tutto personale , smarrimento politico ideologico.
    Mi appare incredibile la risposta di due dei competitors ,Bersani e Vendola, rispondere che quanto ad ispirazione il primo cita Giovanni XXIII , il secondo il card. Martini.
    Con tutto il rispetto che io stesso provo per questi due personaggi (verificabile sullo stesso blog) trovo disarmante, capzioso ,aggiungo populista questa risposta.

    Ecco dove noi restiamo fuori dall’alveo del socialismo europeo.
    Siamo intrisi di ideologismo catto-deformante .
    Vi immaginate Hollande , o lo stesso Schultz , capo dei parlamentari socialisti al P.E, dare una simile risposta.
    Non riusciamo a scrollarci di dosso questo provincialismo intriso di sagrestia caro al proto fascista Guareschi, viviamo ancora negli anni ’50 .
    Che diamine un Bertrand Russel noooo!
    Laicità, questa é la prima delle conquiste di uno Stato moderno.
    Con questi leaders che, turandomi il naso voterò, voi capirete che la Chiesa cattolica avrà sempre una supremazia che , non solo non le compete , ma che é assolutamente immeritata per il comportamento etico e morale che da centenni tiene nei confronti della società civile.

    Mi piace

  3. payday loan ha detto:

    Attractive component of content. I simply stumbled upon your
    weblog and in accession capital to say that I get actually enjoyed account your blog posts.
    Anyway I’ll be subscribing to your feeds and even I fulfillment you get entry to constantly quickly.[url=http://fish4payday.co.uk]payday loans[/url]

    payday loans

    Mi piace

  4. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto and commented:
    Add your thoughts here… (optional)

    Mi piace

  5. G. CARLO ha detto:

    La storia dice che “chi troppo vuole nulla stringe” e i limiti morali e materiali sono grandemente superati. Soloin un paese “anomalo” come il nostro si tollerano questi comportamentiche assassinano la vita e il futuro del popolo… ridotto a “popolino”.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.