RIFLESSIONI


Italiano: Matteo Renzi è un politico italiano,...

Italiano: Matteo Renzi è un politico italiano, attuale sindaco della città di Firenze. (Photo credit: Wikipedia)

Enrico Mentana

Enrico Mentana (Photo credit: Wikipedia)

La prima concerne il presidente del consiglio ed il battage della stampa italiana ,assoldata ai soliti gruppi di potere che vorrebbero continuare a scrivere l’agenda politica del governo. La stagione del governo tecnico finirà con le elzioni. Monti , persona degnissima , stà studiando da presidente della Repubblica e molto probabilmente  lo diverrà.  Da quella posizione super partes ,potrà certamente influenzare la politica dei partiti e movimenti che usciranno vincitori e continuare sulla strada di un Napolitano che al momento opportuno sà sempre muoversi con dignità e rispetto per i suoi concittadini.  Quanto alla rappresentanza, quale migliore personalità può rappresentarci nel mondo. Al momento nessun politico di lungo corso può vantare le credenziali del senatore a vita.

Renzi ed il nuovo che avanza.  Sarò certamente di parte, ma come ho già avuto modo di scrivere , se questo é il nuovo,  preferisco un’usato garantito. La campagna di Renzi in giro per l’Italia, con apparizioni televisive continue, ha come ideatore, co-fondatore, deus ex  machina, un certo Dr. Gori, grande autore e direttore di comunicazione che ha deciso di buttarsi in politica.

Lui che nel passato é  stato una pedina ,certo non da poco, del successo del Berlusconi prima maniera. Se il guitto Grillo ha il suo Casaleggio e dietro il fantasma Sassoon  che oggi si é defilato, il boy scout Renzi deve la sua partenza alla regia di Gori . La Leopolda ed il suo programma é frutto di un lavoro a più mani che di sinistra proprio non hanno conoscenza. La 7 oggi é di fatto un suo grande sponsor. La sua famiglia é impegnata a fondo in quella rete. Una rete che grazie ad indubbie qualità del suo direttore , Mentana , é riuscita ad attirare la cosiddetta intellighentia italiana, se mai ce ne fosse una , o se preferite il ceto abbiente , quello che ha il maggior livello di spesa e di capacità di relazione. Non per niente avendo raggiunto il suo acme, prima che la crisi della fase di transizione abbia luogo , con il corollario d’investimenti che necessita , Telecom ha deciso di venderla. Il gruppo acquirente sarà in linea con il progetto Gori – Renzi . La volontà é di acquisire un “target affluent”, supportarlo /indirizzarlo / utilizzarlo politicamente.

Restando in tema di testate giornalistiche mi soffermo un’attimo sulla libertà d’informazione , che non é certo libertà di calunnia. Il direttore della testata giornalistica é responsabile giuridicamente di ciò che il giornale riporta. Quindi é compito del direttore valutare i collaboratori e ciò che scrivono.      Se  Sallusti, direttore del Giornale, offre lavoro ad un giornalista eunuco , radiato dall’ordine dei giornalisti , connivente dei servizi segreti deviati del governo del buffone, condannato e perciò eletto dal PDL a deputato, allora intendiamoci.

Questo quaquaraquà di uomo , di giornalista venduto all’intelligence privata, oggi, per salvare Sallusti dal carcere, dall’aula del Parlamento  ha dichiarato che l’articolo incriminato dalla Cassazione era opera sua e scritto con lo pseudonimo Dreyfuss.

Facile , da deputato gode dell’immunità. L’idea salvifica per  Sallusti ,che a mio avviso dovrebbe andare in galera in quanto dedito alla calunnia continuata , é stata del solito vigoroso , depresso Feltri . Come volevasi dimostrare, si potrebbe concludere. Si lancia la pietra, si nasconde la mano e tutta la corporazione reagisce all’unisono, inclusa Repubblica ed Unità. Povero Sallusti?  Una riflessione sulla moralità ed etica della professione  e dei 104 mila giornalisti iscritti all’all’albo , ma solo 43 mila paganti contributi , dovremmo pur farla da cittadini.

Ah scusatemi , ma noi siamo italiani , noi siamo molto al si sotto di queste quisquilie. Dimentichiamo che la casta dei giornalisti, per meriti politici, é la prima per numero in Parlamento , la seconda quella degli avvocati. Domandatevi perché. Ci sarà pure una ragione.

Una riflessione rapida ed estrema circa la nuova versione pastorale della chiesa cattolica tedesca, leggasi bavarese, poichè gli altri, la maggioranza, sono luterani ,non posso  esimermi dal farla. La conferenza episcopale tedesca ha ottenuto il placet vaticano a negare ogni sacramento; comunione, matrimonio , funerale a chi non versa l’obolo alla chiesa.  Mi viene  da sorridere a questa ennesima dimostrazione di stupidità se non di arroganza e presunzione da parte di una fede che si fonda sull’amore per il prossimo ( a condizione che paghi ). 

Se in Italia non fosse lo Stato ad obbligare per legge i suoi cittadini a versare l’obolo dell’ 8 x mille,  la cattolicità di questo popolo , tanto sbandierata , calerebbe vertiginosamente al 20%. Se la S. Sede pagasse quelle famose imposte sull’immenso patrimonio immobiliare che detiene, allora sarebbe degna di ricevere per legge l’obolo dell’8 xmille. Soprattutto oggi in presenza di una crisi che impoverisce in maniera considerevole il ceto medio ed operaio. Da noi  invece il principio é inverso,  si evince con ciò che la chiesa cattolica stessa é la prima a non seguire l’insegnamento  cristiano…Ma noi siamo italiani…..

Ce la prendiamo con i 930 parlamentari che valgono in spesa circa 2.5 milioni di euro , ma non con la chiesa che vale da 35 a 45 milioni di euro annui di tributi, oggi esentasse, nooooo?La legge che doveva farne pagare solo il 20%, sul totale patrimonio, é ferma per i “necessari controlli e valutazioni” .Che pena. 

Una riflessione ora sulla povertà crescente che colpisce l’Europa.                     

In Europa la parte di popolazione che vive sotto la soglia di povertà oscilla tra il il 16 ed il 17% dal 2005. S’intende per soglia  di povertà il 60% in meno del reddito mediano nazionale.La Lettonia risulta lo Stato con più  poveri , ovvero 21.3% della popolazione, la Romania  seconda con il 21.1%, Bulgaria e Spagna ex equo con  20.7%. Per la Spagna si tratta di ben 9.5 milioni di abitanti  , in un paese che ne conta poco più di 40 ! La Croazia con il 20.5%, Lituania 6° con 20.2%, Grecia 7° con 20.1%,  l’ Italia 8° con 18.2% , ovvero 10.9 milioni di italiani , 139 mila in più del 2000. Portogallo 17,9 % in nona posizione ed infine in decima la Polonia con il 17.6%  ovvero 6.6 milioni di poveri . Regno Unito 11° con 17.1%. La Germania , la grande, é al 15° posto con 12.6 milioni di poveri con un incremento dal 2000 del 5.6%.                                  

E la situazione nel prossimo triennio non potrà che peggiorare.  Nella stessa Germania, considerata da molti fulgido esempio di crescita e stabilità, l’assenza di un salario minimo e la costante crescita del fenomeno dei mini lavori,  part time e quant’altro della panoplia del lavoro sottopagato,  ha reso fragile il sistema . A sua volta la fragilità della struttura occupazionale  rende fragile la situazione finanziaria. I coni d’ombra esistono ovunque. Le politiche di austerità, reclamate a gran voce ,se non sono accompagnate da politiche sociali idonee,  renderanno la situazione politica ed economica incandescente.  La stima sociologica del punto di rottura é all’incirca intorno al 33%. Ovvero al di là di questo limite le società tendono ad esplodere, o implodere , a seconda delle situazioni contingenti interne. Il rischio che tale limite possa essere raggiunto almeno in alcuni di questi paesi é estremamente elevato.

Soprattutto l’assenza di politiche occupazionali rivolte all’inserimento delle nuove generazioni é l’arco voltaico per l’Europa. Se non si riesce ad adeguare al progresso raggiunto , le aspirazioni delle nuove generazioni quanto a identità, futuro, capacità di produrre, il rischio di un’implosione del progetto europa è reale. Molto di più di quello finanziario ed economico. 

Buona vita a tutti.

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in economics, europa, International relations, politica-economia, Politics, relazioni internazionali, Relazioni Stato / Chiesa Cattolica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a RIFLESSIONI

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

  2. Sion ha detto:

    Ottima riflessione sul marasma italiano i miei complimenti.(mi piacerebbe discutere con te se hai il piacere di farlo magari non so su skype).I poteri di turno le lobby i grandi interessi economici fanno a gara x spartirsi i beni ke il ceto medio sta lasciando sul terreno.In tutto ce sempre lo zampino delle grandi famiglie che da secoli comandano il mondo.I sasson si sono defilati dalla casaleggio associati? mmmm non credo proprio.Se monti sta studiando da capo dello stato allora significa che sia proprio alla frutta.La fase di controllo mondiale da parte delle banche e’ arrivata all’ultimo stadio.Il male sta svelando il suo vero volto.Chi da sempre muove i fili dei vari burattini di turno ha capito ke la soglia di rottura sociologica si sta rompendo e non vuole perdere di mano il controllo.La morte di lincoln e kennedy non ci hanno insegnato nulla.Una legge come l’ordine esecutivo 11110 (che e’ la soluzione a tutti i ploblemi del mondo) non avra mai luce nel vecchio continente come anche nel resto del mondo.Novus ordo seclorum L’occhio ke tutto vede.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.