L’ITALIETTA DEI CLUB DEI TROMBONI


Oggi ho voluto utilizzare come titolo quello utilizzato dall’ex direttore della Provincia di Varese , Sallusti , oggi dispensatore, in conto proprio , della  visione berlusconiana del mondo sull’organo di famiglia , il Giornale.  Un modus pensandi connaturato alla provinciale filosofia del ritenersi grandi nel microcosmo nazionale, per poi essere percepiti coglioni inveterati appena varcate le frontiere. 

E questa é la  vera storia recente. Questo é  il titolo che il maturo (in senso di titolo di maturità) Sallusti utilizza per riferirsi alla diatriba sul negoziato Stato /Mafia prendendosela con Zagrebelsky. Questione di  secondo piano di questi cialtroni della polemica fine a se stessa, in mancanza d’altro.

L’Italia che  Sallusti  definisce salottiera e intellettuale da contrapporre a qulla reale , la sua ! Infatti per mostrare la differenza, la prima ancora si occupa e s’incazza per ben altro.  Per esempio per quella legge ideologicamente proibizionista e vetero cattolica che nel 2004, in epoca berlusconiana di puro revanscismo , fu varata sulla fecondazione assisitita.

Oggi la Corte Europea ha rigettato in toto quella visione  , poiché in violazione della Convenzione europea dei diritti umani. Il dispositivo della sentenza specifica che;  “il sistema legislativo italiano in materia di diagnosi pre-impianto dell’embrione é incoerente”. Ciò in quanto impedisce a due coniugi infertili di poter effettuare  dei test circa i rischi genetici eventuali, mentre un’altra legge,  permette di accedere all’aborto, se il feto é considerato affetto da gravi malattie genetiche.

Ma a parte questa specifica, la sentenza con riferimento all’art.8 sottolinea che “ogni persona ha diritto al rispetto della propria vita privata e familiare”. Ora solo l’ Italia, in Europa, grazie a questi cattolici della domenica che, cristiani certo non sono, sussiste il divieto di diagnosi pre-impianto. I miei lettori si domanderanno perché mi scaldi tanto nei confronti di questa bella gente  dentro …… e talvolta fuori, bempensanti, piccolo borghesi, convinti come sono di poter rinchiudere il mondo nelle loro certezze . Alla Rocco Buttiglione , che di fronte ai commissari europei,  in previsione di una sua nomina  a Commissario europeo , da vetero cattolico,  fece la figura di Copernico davanti a Galilei.

La intromissione dei cattolici nella vita quotidiana  e nei diritti individuali  dei cittadini  italiani , attraverso politici e giornalisti di bassa lega , o peggio venduti all’ideologia della Signoria che li assolda, fortunatamente si arena e soccombe  di fronte alla realtà ed al progresso europeo.  Si spiega anche così la crescente idiosincrasia della gran parte del PDL e non solo , nei confronti dell’Europa ,sia in termini economici,  che politici.  Più regrediamo come popolo, più cresce questo sentimento antieuropeo, fateci caso……   

E’ l’atteggiamento tipico dei  perdenti che, non volendo ammettere di essere degli incapaci e dei cialtroni, si comportano come la volpe  nella celeberrima  favola di Esopo. Un pò come i grillini di oggi e domani che sbraitano in nome di una moltitudine inesistente. I fantasmi sono loro, i cui supporters sul web sono gonfiati a dismisura da account inventati………. A questo si riferiva il povero Bersani.

Poiché non raggiungono gli obiettivi e le riforme proposte che loro stessi hanno sbandierato per decenni e non hanno l’umiltà di ammetterlo, allora dichiarano che l’uva é immatura, ovvero che se ne può far a meno .  Se continuiamo di questo passo, a forza di credere stoltamente nella nostra capacità di autonomia,  ci ritroveremo autarchicamente a coltivare canapa. 

MA ANCHE GLI USA NON SI FANNO MANCARE NIENTE  

Ieri su Repubblica il buon Rampini, commentatore al pari di Zucconi di  quel che accade il quel laboratorio sociale ch sono gli USA, ci raccontava che anche là la chiesa cattolica ha varcato il Rubicone della politica attiva.  Dopo aver accompagnato la parabola politica dei Kennedy per 15 anni, era restata nelle retrovie del potere politico americano. Contando molto in certi Stati e restando  praticamente assente in molti altri. In realtà i cattolici contano negli USA meno di un quarto della popolazione.

Come risulta dagli ultimi sondaggi e ricerche Gallup l’elettorato americano é sempre più in preda ad una estremizzazione  forzata. Non si vincerà più al centro , a Novembre si vincerà all’ultimo voto espresso ….. Le donne di qualsiasi religione , colore ed istruzione dalla più bassa alla più alta sono per Obama. Uomini,  latinos ed immigrati, oltre che di colore,  sono divisi in parti uguali  sui due candidati con leggerissima prevalenza per Obama. Uomini bianchi in maggioranza per Romney.

 In questa battaglia all’ultimo voto, in un contesto profondamnte distorto in rapporto ai problemi veri ai quali gli americani, tutti, devono far fronte, la chiesa cattolica ha scelto il suo campo. Il presidente della conferenza episcopale  americana, nonché cardinale patriarca di New York, Tom Dolan, celebrerà la messa alla Convention repubblicana in Florida. Per la prima volta la chiesa cattolica scende in campo apertamente, scegliendo il candidato più conservatore e tradizionalista. Un candidato che é inoltre vescovo nella sua propria chiesa , quella mormone.

Uno strano miscuglio di fede pioneristica, poligamica, utilitaristica che ha nello Stato dell’Utah la maggioranza di credenti . Una fede che, al pari di altre, vede nella realizzazione terrena degli individui dal punto di  vista finanziario, la prova della loro capacità  , dunque della loro fede.  Perché é la fede a sostenerli e solo quelli saranno i prescelti dal signore. Credetemi non sono io a scriverlo , ma fior di predicatori americani che vanno inondando le migliaia di stazioni radio e canali televisivi,  raccontando simili fregnacce, o se preferite, eresie. In un prossimo post vi  delizierò con i pensieri  di  uno di questi tra i più famosi, pubblicati in un libro recentemente edito.

Certo, lo stato delle finanze  della conferenza episcopale, dopo le cause perse a causa di preti pedofili, dello scontro sul ruolo della donna nella fede cattolica sollevato dalle monache Usa, dalla svalutazione del valore degli immobili posseduti dalla chiesa cattolica in quel paese , non é dei migliori. Ed allora allearsi con i rappresentanti del capitale e di coloro che lo difendono a spada tratta, sembra forse essere un utilitaristico fine. Il fine giustifica i mezzi, alla faccia del credo.La sola Opus dei qui ha un patrimonio di circa 90 miliardi di dollari .

Resta da vedere il risultato di tali scelte nel medio  termine.  Gli ispanici che sono in maggioranza democratici, sono proprio l’etnia che insieme ad altre  saranno  maggioranza tra 15/ 20 anni in questo paese . La scelta di oggi potrebbe rivelarsi un profondo errore strategico . La S.Sede non é intervenuta per le stesse ragioni finanziarie. La parte maggiore dell’obolo di S. Pietro, il denaro proveniente da tutte le Conferenze episcopali del mondo, le elemosine racccolte,  é  importante ed il gettito maggiore proviene dagli USA. Come a dire  Dolan può permettersi di aderire, confluire, celebrare con chi vuole perché paga più di tutti. Pecunia non olet! 

Infine altro argomento che pesa nella campagna elettorale americana é il tema delle unioni gay. Accettato da Obama ,  strumento di accusa per i repubblicani che, nella versione più conservarice ,  Tea’s party, hanno tirato fuori nuovamente quello dell’aborto che rischia di alienarli  la maggioranza delle donne americane.Senza contare le puttanate di alcuni candidati di spicco di Romney che hanno giustificato lo stupro in certe condizioni.       Come vedete la tecnica avanza e l’umanità indietreggia.

Buona a vita a tutti.

 

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in International relations, politica-economia, Politics, Relazioni Stato / Chiesa Cattolica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’ITALIETTA DEI CLUB DEI TROMBONI

  1. Sion ha detto:

    Opus dei,ordine dei malta, papa nero,l’ordine dei gesuiti.fiumi di denaro finanze illimitate.Lo stato vaticano e’ il vero stato sovrano. Inferno purgatorio ma sopratutto paradiso fiscale chiaramente.Viva la repubblica delle banane.

    Mi piace

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.