ARAB SPRING, OR ARAB REGRESSION?


Part of the courtyard of the Great Mosque of K...

Part of the courtyard of the Great Mosque of Kairouan, with the main prayer hall. (Photo credit: Wikipedia)

Tunisia

Tunisia (Photo credit: Steve “Shanks” Armitage)

The debate about the role of religion in the Tunisian constitution , after what I prefer to define the Arab insurrection , instead of  Arab Spring, is on its way…….Perhaps,  it ‘s hard to believe for the majority of Europeans, but  Tunisia adopted its first Constitution in 1861! The first Constitution in the whole Arab world!  An incredible achievement considering  the historic evolution for the time. The year 1861 , by the way , is the date of the unification of the Italy.

Since last October’s elections for the  Constituent Assembly,  the Tunisian muslim identity has become the center of the political debate. A false priority given to this subject  from the governing  coalition ,which in reality represents  only  a transitional power . The debate over the ratification of the new constitution seems a further step towards a regression  to the dark ages. The government intent is to “produce the first Arab spring constitution” . That implies the message of a new era!

From a juridical point of view , or a political one, the assembly could have simply eliminated the various modifications ,”addenda” and limits promulgated by the Ben Ali’s regime, keeping the Bourguiba excellent constitutional text.   A constitutional chart, or Bill of rights , nowadays  can be easily produced by a comparative study case of the best texts , written by expert jurists, without involving a various number of incompetent people.

Then submitted  to real keepers of the democratic power : WE the People.       The final decision makers , the final users of these basic rights. No one, considering the economic and political context, could  seriously think that the need for a new bill of rights  was  a priority.  The political priorities are others: wealth redistribution, investments, structural unemployment etc,etc. But the incapacity of this government to find appropriate and due answers to these strategical matters, make easier to launch  a discussion about “philosophy” , or if you prefer, who was the first prophet…….

The main aim of this transitional government seems to be the communication , the officialization of the Islam’s new role in the Tunisia’s constitution. Where the rights ,in this new draft , are “de facto” now bent to the obligation of protecting the muslim religion itself! 

Unbelivable, incredible, unacceptable that the protection of religious concepts and mores is mentiond twice! A proto-theocratic  vision of the Tunisian society in contraddiction with its historic evolution of the past 70 years! The role of religion becomes even more divisive in this new draft.      The third article of the chapter referring to the individual rights and liberties gives the status of criminal offenses to the profanation of the so called               ” sacred values” ???!

Regardless to the religious beliefs, juridically such a stipulation has no right to belong to a constitution! Fortunately enough there still are intelligent men capable of discerning stupidity from constitutional laws. Mr Ghrari, an expert jurist in the matter stated; ” this is a constitution , not a penal code”. 

The idea of protecting a religion and its values in the new draft represents  a pure subreptice  way  to invert the roles…… “Not a free religion in a free state” , but a state which has , as main obligation , the defence of the sacred values!    

“A consideration which brings to the conclusion that the religion they wish to defend is so fragile and so poorly radicated in the country that needs to be protected!

Let’s be honest and stop this juridical nonsense……..Stop manipulating reality.  This constitutional draft represents a clear attempt of Ennhadha and its affiliates to modify the juridical structure of the Tunisian fundamentals. Their will is pratically introducing  and  building a theological state, abandoning the civil one,  which untill now represented and defended the entire Tunisian community.

Religions are part of any human community. Unfortunately the monotheistic ones , more than others , pretend to  impose their own views on the entire society ,considering themeselves the only ones to withold the “truth”.        A great substantive, without a real meaning!

But going back to our humble analyses of this draft , there is another proof of this pressing theocratic will, the article concerning the personal quality of the president, according to the new draft.  

“To be eligible to serve as the country’s president of the new Tunisian Republic the candidate must be  a muslim citizen” ! This article clears any doubt , any ambiguity  about the real goal Ennhadha wish to reach.                   As addendum we found another article in  the draft which criminalize  and consider penal offence a simple mocking of the sacred values ??          Ennhadha ‘s deep will is definetely paving the path for a next theological dictatorship , or if you prefer an inspirated Middle-Eastern theocracy !                It is on the Tunisians’s hands  to express their deep will towards this draft.  I’ll bet on their solidarity and unity to unmask this attempt against their individual rights .

Good Luck to you all

Sintesi in Italiano

Da tempo non scrivevo circa l’attuale stato di transizione di molti di quei Paesi del Nord-Africa che lo scorso anno hanno iniziato un lungo cammino verso un processo sostanziale di democratizzazione  delle loro rispettive società.

La Tunisia , tra questi,  rimane lo Stato più avanzato di quell’area geografica in materia di diritti costituzionali e individuali, ma soprattutto in termini di difesa sostanziale di questi in rapporto all’Egitto, o alla Libia.  Paese che già nel 1861 vedeva la promulgazione della sua prima Costituzione , la prima nel mondo arabo. Pensate lo stesso anno dell’unificazione italiana.  La costituzione che oggi definisce e garantisce i diritti dei cittadini tunisini é dal punto di vista giuridico un ottimo testo promulgato dal governo del padre della patria tunisino , Bourguiba.  Una costituzione laica “a tutto tondo” che per l’epoca,  ancora una volta,  rappresentava  un’esempio per il mondo musulmano.

Quando ancora in Algeria i francesi combattevano una tragica guerra coloniale che i generali avrebbero in seguito posto in freezer . Quando il Marocco era soggiogato dal feudalesimo di Assan II che solo oggi con suo figlio riesce finalmente ad uscire dal medioevo sociale, quando l’Egitto la grande potenza , grande portaerei americana sul Canale di Suez , é stata la dittatura militare  per eccellenza da Nasser ai giorni nostri …  La Tunisia nel dopoguerra si affrancava dal periodo coloniale senza versare una sola goccia di sangue. Grazie all’intelligenza di questo avvocato illuminato figlio della media borghesia tunisina che nel primo decennio della sua presidenza allocò il massimo delle risorse finanziarie del paese all’istruzione e formazione del popolo.

Ecco ,da qui si parte per comprendere le ragioni per le quali questo regime transizionale ci tiene tanto a marcare le differenze , a mostrare “urbi et orbi” il potere delle religione , a rendere la Tunisia uno stato islamico a parte intera . Ennhadha, il partito vincitore dei seggi all’Assemblea costituente , ancor prima di andare alle elezioni politiche, fissate per Marzo p.v.,  vuole imporre un “turning point” all’attuale sistema. Approfittare della sua transitoria predominanza in una politica fatta di sabbie mobili di cui non si comprende il serio obiettivo.

Non riuscendo a risolvere i grandi problemi socio-economici del paese ; disoccupazione strutturale, disoccupazione intellettuale, redistribuzione delle ricchezze del paese, rilancio della principale fonte di divise del paese ,il turismo,  il governo  degli azzaccagarbugli islamici , ebbene ha deciso di buttarla in politica politichese. Valori, i sacri valori della religione ?

Surrettiziamente non si introduce la sharia , no , non se ne ha nè il coraggio, né la forza politica. No, ed allora si finge attraverso un “escamotage giuridico”  di invertire il senso delle cose.  Si obbliga costituzionalmente lo Stato a difendere i ” sacri valori ” della religione islamica.  Il progetto costituzionale in discussione prevede tra l’altro che il presidente della nuova repubblica tunisina debbe essere musulmano.

Non solo, ma si introduce stupidamente nella Costituzione un’articolo che prevede il reato di blasfemia contro i sacri valori (quali? ) ed ogni atteggiamento di non rispetto nei confronti degli usi e costumi religiosi del paese.

Tutto ciò é evidentemente ridicolo in un paese che da 70 anni vive la religione musulmana senza alcun eccesso e con partecipazione ordinata, ma limitata. Si é alla ricerca di scuse con scontri pre-ordinati ,  per tentare d’imporre al popolo una visione ed una pratica religiosa che non é vissuta come obbligo, ma come semplice ed individuale scelta di fede.

Nella speranza che il popolo tunisino possa presto rendersi conto dell’attuale fase di restrizione dei diritti individuali  alla quale i fondamentalisti islamici tentano di condurlo . Ed in particolare con l’intimo augurio che le donne tunisine facciano blocco contro una visione sociale che ricaccerebbe loro e le loro figlie nella partecipazione di serie  B dei loro diritti di cittadinanza.

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in economics, Egitto- North Africa, International relations, politica-economia, Politics, relazioni internazionali, Relazioni Stato / Chiesa Cattolica e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a ARAB SPRING, OR ARAB REGRESSION?

  1. Pingback: The Mountain comes to Manhattan: il nuovo grattacielo più alto di New York | Cooked News

  2. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.