POTERI FORTI E POLITICA ITALIANA


 

Occhio al governo Monti...

Occhio al governo Monti… (Photo credit: Cau Napoli)

 

Mediobanca

Mediobanca (Photo credit: Wikipedia)

 

Français : Eugenio Torelli Viollier (1842 - 19...

Français : Eugenio Torelli Viollier (1842 – 1900), fondateur du journal italien Corriere della Sera (Photo credit: Wikipedia)

 

Era mia intenzione trattare l’eccellente rapporto edito da Transparency International sullo stato della corruzione in 25 Stati europei per fornirvi uno spunto sullo stato comatoso della persecuzione degli illeciti negli Stati del Sud Europa;   Spagna, Portogallo, Italia, Grecia , in rapporto alle legislazioni in vigore in altri Paesi per arginare , o stoppare il fenomeno.                         Incredibile, inaccettabile democraticamente, constatare la dicotomia tra Sud e Nord Europa quanto a legislazione, applicazione, controlli della corruzione, del malgoverno e più in generale del finanziamento della politica e dei partiti . Ma questo sarà il tema del prossimo blog.

Per una volta , tenuto conto di quanto stà avvenendo a livello nazionale , al supposto mancato supporto dei poteri forti  a Monti mi permetto di fare notare quanto segue.

Le 5 famiglie seguenti  controllano oltre l’85% dei quotidiani a maggiore tiratura in Italia : Angelini,l’ Unità e 30 aziende sanitarie  nel Lazio e Roma. Berlusconi, Giornale, Libero , Foglio,  + settimanali + Mondadori , lasciando perdere le concessioni TV.  De Benedetti;  Repubblica e la galassia degli oltre 25  quotidiani locali.  Caltagirone; Messaggero e giornali door to door, Leggo ecc.   Riffeseir; Resto del Carlino, Giorno, Nazione.  

Aggiungete Confindustria, Sole 24ore e Mediobanca,  Corriere della SeraGazzetta dello Sport e la sua galassia ed avete oltre il 95% di tutto quello che é stampato in Italia. Questi sono i poteri forti, con interessi ben radicati . Difesi a spada tratta nei momenti di crisi , alla faccia dei giornalisti proni  e degli elettori. E questo é un momento di crisi epocale . I titoli, i dividendi , il valore di queste aziende si assottiglia . Le 79 famiglie che controllano attraverso scatole cinesi italiane e/o lussemburghesi oltre il 60% dell’economia italiana sono sempre lì e non accennano a cambiare. Le loro lobbies fanno il bello e cattivo tempo. Di fronte ad una burocrazia smarrita , se non svenduta e con l’omertà e connivenza di tutti coloro che, a diverso titolo, sono occupati nel loro indotto.  

La Confindustria , oggi guidata da un “coniglio mannaro” è alla frutta, ma ancora respira e farfuglia . Nel 1975 le famiglie in controllo erano 56. Come vedete  tutto é cambiato,  affinché nulla cambiasse. La situazione é peggiorata  con il berlusconismo, per anni rampante.                                                                     Lo Stato, attraverso governi fantoccio, ha “regalato” concessioni;  televisive, autostradali, di comunicazione, ha dato denari a pioggia ad imprenditori incapaci e ladri che non hanno investito ,ed anzi , spesso, hanno delocalizzato all’estero.   Ha foraggiato un sistema parassitario  ,iniquo ed incapace.  che alla fine si é autoalimentato.         

La politica oggi é al servizio di questi interessi, non il contrario.  Dovremo tener conto dei mandanti  e non prendersela con i picciotti!  E per fare da capri espiatori, i professionisti prestati alla politica , pretendono a loro volta di essere retribuiti per quello che é richiesto loro;  fare da imene a imprenditori parassiti ed a rentiers. Circa il 25% della ricchezza nazionale  si tramanda per eredità ed é intatta da oltre 90 anni. 

Il Governo Monti che lo si voglia , o no , é oggi la sola possibilità per l’Italia per non finire come la Grecia nel giro di un mese.  Non si andrà ad elezioni, perché questi poteri sanno bene che sarebbe un bagno di sangue. Inflazione al 50%, il ritorno agli anni ’70 in termini economici ed un paese che invece di essere medio in Europa,  sarebbe in balia degli eventi come oggi Belgio, Irlanda, Portogallo, Grecia, Cipro, Slovacchia, ecc.

Ma si sosterrà il livello del caos e dello scontro verbale, solo verbale , alto, molto alto ….. Per poi, grazie ad un astensionismo elevato, sul quale i poteri forti contano , andare a governare, come sempre,  alla faccia di tutto e di tutti mantenendo intatti gli equilibri che contano. Inamovibili, inattaccabili, irresponsabili .  Si ricrea così  artificiosamente lo scontro tra blocchi,           caro alla Chiesa nostrana ,dei teologi  da salotto,  alla Scola ,alla Ruini, ed alla piccolo media borghesia parassitaria, demograficamente ultra 6oenne, che si indigna per 100 euro in meno  di pensione e non della disoccupazione di figli e nipoti.

Non sono un  filo bocconiano.  D’altronde questa istituzione universitaria, sovrastimata in Italia, non giunge neanche tra le prime cento al mondo ed é in rapido declino.   Ma Monti é stato un’ ottimo Commissario Europeo alla Concorrenza.  Consulente di Goldmann & Sachs. E’ certamente più competente di tutti i primi ministri di questa sciagurata Repubblica, salvo  Ciampi e, solo in parte,  Prodi.  I poteri forti controllano bande intere di peones parlamentari 65% ed oltre, così si salvano i portatori d’acqua, i De Gregorio, i Formigoni ecc.  I partiti , etero controllati, sono allo sbando.         Le aspettative degli italiani nei confronti del governo Monti erano e sono fuori luogo.  Chi comanda sono ancora i Berlusconi, le Coop del PD e la Chiesa attraverso i suoi anziani boy scouts dell’UDC. 

Grillo ed i grillini sono strumenti nelle mani degli stessi poteri che vorrebbero abbattere. Infatti il marketing elettorale del PDL e dell’intero centro destra , allo sfascio , é oggi  alla ricerca di convogliare parte della protesta su di sé.  A Parma  14 anni di governo PDL hanno creato un buco da 600 milioni di euro. Chi ha votato Grillo al secondo turno é stato il popolo PDellino , i pensionati “incazzati” in larga parte, con  un’affluenza totale del 52%,mentre il 48% é restato a casa. Peccato che non abbiano capito molto dell’inciucio al quale erano sottoposti. L’astensione produce anche questi effetti.  

Ecco come si riciclano . La prateria degli astenuti ed indecisi é oltre il 50%. L’offerta politica é scarsa ed indecente, fatta da cloni . Ed allora i guitti come il Berlusconi degli anni ’80, il Bossi cerebroleso ed oggi Grillo, insieme ai giovani Aclini come Renzi , travestiti da rottamatori del PD, escono fuori.   

La politica non é certo fatta con i solo vaffa.   Ma con programmi , piani, progetti. Chiarezza su coalizioni, su obiettivi , su chi paga chi.  L’interrogativo su politica estera, industriale, economica, sociale resta. Poi ,come sempre , dopo la protesta, arriva la delega in bianco ed ognuno torna alle proprie faccende per accorgersi ,solo anni dopo, che non é cambiato niente!

Questa é la triste storia di un paese che dovrebbe essere rivoltato come un calzino. Ma ciò non avverrà mai. Si può al massimo sperare di aprire balconi e finestre ,  far circolare un pò d’aria, rendendo più trasparenti le relazioni di potere e sanzionare, senza alcun garantismo, la corruttela con pene elevate. Ma soprattutto occorre investire in istruzione , ricerca, ed occupazione giovanile per ridurre la zavorra dei milioni di italiani ormai anziani e poco acculturati che sono il territorio di caccia dei marpioni della politica nostrana.

Buona vita a tutti.

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in economics, europa, politica-economia, Politics e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a POTERI FORTI E POLITICA ITALIANA

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

    Mi piace

I commenti sono chiusi.