POTERE , INCOMPETENZA, DABBENAGGINE


Former European Parliament in Luxembourg Itali...

Former European Parliament in Luxembourg Italiano: Ex-Parlamento europeo di Lussemburgo (Photo credit: Wikipedia)

Cominciamo da quel concorso per l’ammissione alla Facoltà di Medicina svoltosi a Roma . In questo caso i sostantivi del titolo sono tutti validi ed efficaci per commentare quanto accaduto. In primo luogo sappiamo che  i posti sono limitati a priori. Inutile quindi convogliare una tale quantità di persone. In un paese che ha stima e rispetto  per i propri cittadini si applica un semplice principio selettivo che, attraverso un’accorta scrematura riduca il numero dei concorrenti. Che eviti spese inutili alla collettività dei concorrenti, spese inutili per la gestione stessa del concorso di ammissione ed infine spese inutili per la comunità romana che deve sopportare disagi incredibili. Tutto ciò perché accademici privi di logica ,raziocinio ed ignoranti di logistica non sono all’altezza dei mezzi informatici messi a disposizione dalla tecnologia moderna per evitare a tutti una rappresentazione idiota della realtà universitaria. Non per niente vengono definiti “baroni”, certo, vivono ancora nel XX secolo. Si discute spesso dei tagli e della riduzione dei budgets. Poi per una stupida rappresentazione della “democraticità feticcio” di concorsi di questo tipo, si buttano risorse che potrebbero essere uitilizzate più intelligentemente. Ed in ultima analisi, ma non meno importante, tenuto conto della disonestà diffusa ,mi permetto  di ritenere che vi sono buone probabilità che un 15% di quei posti in concorso siano già assegnati.  Ecco questa é l’ulteriore manifestazione di un paese che offre di sè l’immagine di un’arretratezza atavica e ridicola. Con questi metodi e sistemi non c’é da meravigliarsi se la prima delle nostre università arriva al 163° posto nel ranking mondiale. Siamo semplicemente ridicoli .

Finanziamento pubblico dei partiti.

Qui gioca molto il primo sostantivo, usato per coloro che quei partiti governano , l’ultimo per i governati che lo subiscono da veri sudditi quali sono. E’ insopportabile notare come i più comuni pretesti  vengano usati, non per cancellare anni di malcostume , ma per continuare a mantenere inalterati privilegi e prebende.  Cominciamo dai 2.3 miliardi di euro ricevuti e dai 570 milioni di euro realmente spesi ( a quanto ci viene dato sapere) . E già le due cifre mostrano la dicotomia con la realtà .

La sicumera mostrata con il rinvio della riscossione dei 100 milioni di euro a Luglio, per l’ultima trancia da riscuotere, grazie all’emendamento bidone da tutti votato in epoca berlusconiana, che ha raddoppiato l’entità della somma, é prova di disonestà  lampante.

Non vi hanno rinunciato “hic et nunc”, hanno solo deciso di procrastinarne la riscossione.Vedremo . Si afferma di voler affidare il controllo a società di revisione esterne ed a una commissione “ad hoc”. Ad oggi il solo PD faceva certificare il suo bilancio. Certo, a fronte degli altri che bellamente disponevano del denaro pubblico a loro uso e consumo, si dirà meglio di niente….. Ma intendiamoci, voi avete idea dell’etica delle società di revisione . Varia al variare della latitudine e dei profitti in gioco. Ricordate Parmalat, Cirio ecc. Erano anch’esse certificate e perfino in Borsa. Arthur Andersen , multinazionale americana del settore  vi ricordate? Ecco sia in USA che in Europa ha operato secondo criteri di convenienza. Poi cambiano nome ,falliscono, vengono acquisite dalle consorelle, tipo Deloitte, o Ernst&Young,  ma il loro comportamento etico ?  

Quindi in primo luogo si deve ridurre con decreto d’urgenza l’entità del denaro pubblico . Massimo un 3x mille per coprire la totalità delle spese.         I partiti devono divenire penalmente responsabili (persone giuridiche).          I tesorieri non possono essere parlamentari e devono essere scelti per competenza e probità da una sezione della Corte dei Conti su una lista da questa preordinata. Quest’ultimo é l’organo deputato dallo Stato al controllo preventivo e poi  definitivo dei bilanci dei partiti politici presenti in Parlamento,  abolendo ogni altra formazione . Le Fondazioni politiche riconducibili ai partiti,o loro leaders,  presenti in Parlamento, devono considerarsi estensioni degli stessi e devono presentare i loro bilanci alla Corte stessa. L’immunità parlamentare deve essere abolita e restare  in vigore solo x reati d’opinione.  I segretari dei partiti ,in quanto loro rappresentanti giuridici , divengono responsabili in solido, per i reati compiuti sotto la loro direzione,  dai partiti stessi ai danni dello Stato e della Pubblica Amministrazione.

Inoltre i contributi ai partiti ,superiori ai 500 euro, non possono essere anonimi. Si istituisce una lista di lobbisti abilitati ad operare che saranno tenuti a dichiarare le spese sostenute per le attività a loro riconducibili. Il Consiglio d’Europa ha già ripetutamente espresso il parere fortemente negativo circa il nostro sistema, oggi presente su tutti i quotidiani. Lo stesso dicasi per il Parlamento Europeo.

Se volessero  A-B e C  potrebbero già , nell’attesa della loro “complicata” gestazione, per la quale hanno convocato inutilmente degli estensori , introdurre la normativa europea in materia nell’ordinamento interno. Ma la verità é che non sussiste volontà alcuna di sentirsi europei.  No, noi siamo italiani, siamo diversi, orgogliosi delle nostre leggi……….e della non applicazione delle stesse . Purtroppo  un vero cambiamento questo Parlamento non é minimamente in grado di apportarlo . Dovrebbe andare a casa immediatamente perché non é più idoneo, non rappresenta più nessuno , é impresentabile in termini etici , rappresenta solo ed unicamente l’interesse delle segreterie. Ma non possiamo liberarcene perché la situazione economico finanziaria é grave ,ed allora meglio un governo tecnico,, che quegli stessi politici che ci hanno portato nel fango.

Abbiamo di fronte anni duri. Chi crede che sia questione di un anno, o due , é un’ illuso , o un’ imbonitore istituzionale. La riduzione dei consumi a causa della eccessiva disoccupazione e precarietà  si protrarrà a lungo.                          Per questa ragione occorre liberare risorse pubbliche, affinché si rilancino progetti regionali capaci di generare posti di lavoro.  Contrariamente a quanto sostenuto da Confindustria e dai suoi alleati, negli ultimi anni la flessibilità eccessiva introdotta nel sistema  (46 tipologie contrattuali di assunzione) , in modo particolare in entrata , cioé per i giovani, ha prodotto insicurezza ed assoluta precarietà. 

Ma soprattutto ha provocato una reale riduzione dei salari reali , invece di una crescita degli investimenti , oltre ad un’ulteriore disoccupazione .  Intendo  , come spesso ho scritto, che a differenza degli imprenditori tedeschi , che hanno investito in miglioramenti qualitativi e quantitativi, permettendo inoltre un ‘innalzamento del monte salari, il nostro sistema ha generato un incremento dei profitti ed in particolare delle rendite.         Questo arrichimento si é tradotto in uno spostamento di risorse verso la speculazione finanziaria che ha generato ulteriore disequilibrio ed evasione.

Molte le fandonie  raccontate. Basta citare quelle pronunciate dal Presidente di Chrysler. Come gli é stato elegantemente fatto notare recentemente ,nessun produttore tedesco ha mai delocalizzato, tutti hanno investito pesantemente in ricerca e sviluppo, hanno prodotto decine di nuovi modelli , hanno raggiunto il record di esportazioni in Cina (500 mila auto) prodotte con “gli alti costi della mano d’opera tedeschi” , 2300 euro per un operaio con 7 anni di anzianità, VW ha distribuito 7.500 euro per operaio nel 2011 come bonus ed infine il rapporto con IG Metal, il grande sindacato tedesco dei metalmeccanici, é idilliaco.  Da 1 a 2 membri del sindacato siedono nei C.d.A dei marchi auto tedeschi.   Bene a fronte di tutto ciò ditemi voi chi sono i pirla, coloro che parlano di sovracapacità produttiva alla Marchionne, o quelli che affermano che é tutta questione di competitività ed investimenti? Aggiungerei  capacità  imprenditoriali  che da noi latitano. Basti notare l’attuale stallo in sede confindustriale.

Buona vita a tutti. 

 

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in economics, europa, politica-economia, Politics e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.