CHE SCHIFO!


Unexpected links between politics and religion...

Image via Wikipedia

Davvero un’ incredibile schifezza. Questo paese, che é anche il mio, sta divenendo insopportabile da vivere. Dopo gli anni di piombo siamo giunti agli anni del niente berlusconiano. Pensavamo aver  raggiunto il fondo con i nani e le ballerine di Craxi, ma tangentopoli in rapporto ad oggi era uno scherzo quanto ad occupazione  del potere ,dei suoi gangli vitali, attraverso una partitocrazia che ormai risponde solo a se stessa.

Siamo cioè giunti ad una democrazia formale dove il rito delle elezioni, delle nomine,é puramente di facciata ed ormai non risponde più in alcun modo  né al merito ,né all’efficienza, né tanto meno ai cittadini.

Ma il vero problema é riscontrare come il sistema  é , e resti bloccato. Rivedere i cattolici  incontrarsi a Todi , chiamati all’appello dal  Generale di Corpo d’Armata Card. Bagnasco ,capo supremo dei cappellani militari della Repubblica, nonché presidente della CEI.   Discutere come fossimo negli anni ’50, preconciliari , alla PioXII, come in fondo questo pontefice rievoca e desidera, del contributo dei cattolici  alla buona politica,  é per me quanto meno vomitevole.

Ma come, siamo ancora fermi lì….  Ma vi rendete conto….                                         Si sono incontrati a Todi decine di generali , ma a capo  di un esercito ormai in estinzione. Questa è una delle ragioni fondamentali del neo- interventismo in politica , del ritorno in massa dei demiurghi alla Ruini,  della nomenclatura cattolico romana.  I Casini, i Fioroni,i Rutelli ,i Pisanu,i Bonanni, tutti chiamati a raccolta per “tirare la volata al vecchio che avanza” ! 

Dopo 17 anni di supporto incondizionato e reverente  al potere berlusconiano, desiderano  oggi smarcarsi  delineando la rottura con questo Governo. Un esecutivo che cha concesso loro nel tempo mille e una esenzione fiscale. E lanciano il programma  che meglio loro si confà:                 il governo dell’ammucchiata!   Da UDC a FLI per passare attraverso il P.R.   Montezemolo fino al PD.   Un  progetto  che ,come al solito, in maniera del tutto trasversale,  potrà concedere loro di  passare indenni attraverso le  riforme essenziali di cui sarebbero certo oggetto.  Questo  l’elemento tattico.

Quello strategico è il riposizionamento .  Riprendere le luci della ribalta per attuare quella secolare circonvenzione d’incapaci che permette loro di continuare , grazie anche ad una crisi economica pesante , a mantenere il potere economico accumulato nei secoli .  Mai come durante le crisi esistenziali l’umanità ricorre alla preghiera.   CL, Compagnia delle Opere, Focolarini , Acli, ecc.ecc.   saranno ventre a terra nel prossimo biennio per ricostituire lo zoccolo duro di fedeli che  per  evidenti ragioni demografiche , scompariranno  nei prossimi 20 anni.  Il 23% dei cattolici praticanti (dati CEI) sono per oltre 2/3 ultra 55 enni.  Quanto a vocazioni,  sono già alla frutta  in Italia.

Questo é il progetto che i laici in tutti i partiti , altrettanto trasversalmente , devono combattere. Evitare che, ancora una volta, il principio fondamentale  di Stato laico possa  essere messo sotto tutela.  Unico esempio di Stato prono al volere ecclesiastico in Europa!  

Come se ciò non bastasse assistiamo allo spettacolo miserrimo di un PD che, per bocca di Bersani , intende svolgere una “politica ecclesiale” (sic). Strategia peraltro ribadita da Dalema . Una strategia che si annuncia perdente.  Da intellettuali della Magna Grecia ,che hanno già condotto la sinistra al macello!  Tutta questa classe politica guarda all’indietro. Desiderano ripetere, allargandola, la sconfitta maturata negli ultimi 20 anni. Ma come , si dice che non non si vuole ripetere l’Ulivo e poi si afferma che per vincere occorre il 60%, cioè la grande alleanza con tutto il centro.  Scusate la mia stupidità , se non poteva funzionare un’ Ulivo che andava dai centristi della Margherita a Rifondazione Comunista, come si può pensare che funzioni allargando ancor più lo spettro delle idee  e delle alleanze.

Invece di creare sin d’ora un progetto sulle riforme immediate, da porre in cantiere per combattere la crisi, la disoccupazione, mettere mano alle vere riforme di cui c’é bisogno con gli alleati funzionali, IDV e SEL,  si mercanteggia , si tentenna,  dando con ciò agli elettori tutti , un senso di colpevole indecisione, tragica ed inconcludente. Invece di rivolgersi con piglio, con forza ai cittadini, sapendo che ad Aprile si va alle elezioni con la porcata di legge attuale,  per far presa sugli astensionisti ed indecisi, non si ha neanche il coraggio di dire con chi si voglia percorrere il cammino. La voglia di centro non risponde in alcun modo al “mood “, al sentimento duffuso di oggi. No, oggi c’é un grande desiderio di cambiamento, di mutamento radicale nell’elettorato . Occorre  evitare che l’anti-politica prenda il sopravvento e  possa vincere con un’astensione in grado di vanificare quel poco di democrazia che resta.

L’elettorato moderato  sarà sempre  comunque disponibile a tapparsi il naso per un Berlusconi qualsiasi , tanto più per il perfetto cattolico da copertina patinata, bello, carino,fotogenico,  cattolico q.b. , Casini.

Mi rivolgo a tutti coloro che, come me, hanno intimamente creduto di  non dover morire democristiani.  Non tanto nel senso politico, ( oggi potrei persino rimpiangere) ma in quello di  sistema organizzato di poteri, quel  coacervo di connivenze  che ha mantenuto inchiodato questo paese per oltre 60 anni.

Che  oggi vede una gioventù senza lavoro, senza motivazioni (1.8 milioni) ,8 milioni di italiani vivere in povertà,   il solito capitalismo parassitario che, grazie agli oligopoli ed a un capitalismo indigeno fatto di multinazionali a conduzione familiare, detiene buona parte del patrimonio nazionale.

Se vogliamo  cambiare tutto questo, occorre prima operare radicalmente sulla struttura  che sostiene e mantiene il sistema e ne impedisce il progredire. Poi e solo poi si può seriamente operare attraverso le riforme. Anche in questo caso la storia lo insegna. Le lenzuolate, la cura palliativa , adatta a malati terminali,  non serve,non è in grado di scalfirlo!

E, tornando ai principi espressi, non si può chiedere a coloro che detengono i privilegi di tendere la mano.  Forse potranno partecipare dopo a redigere il programma delle riforme. Prima occorre eliminare i lacci e lacciuoli che anni di conservatorismo  e lobbismo impunito hanno creato per mantenere lo status quo  tanto caro a Tomasi di Lampedusa.

Un’ultima considerazione sulla quale posso anche concordare con Bersani. Occorre far comprendere, una volta per tutte, agli italiani che non esistono uomini della provvidenza. Che il governo di una democrazia avanzata é cosa seria….                                                                               Che se anche nelle aziende oggi c’è bisogno di specialisti ed il padrone intelligente fa il presidente del cons. di amm. , non il direttore generale  tutto fare, figuratevi se un imbonitore, un  venditore di tappeti , come l’attuale primo ministro,  può seriamente guidare un paese……..

Il rischio, se non si opera intelligentemente, é quello di avvitarci in una crisi dalla quale non usciremo, se non tragicamente. Quanto al PD ,se non riesce ad esprimere la guida della sinistra che ancor oggi non é , finirà per dividersi, rimandando “sine die” la possibilità di vedere una sinistra seria e consapevole al governo .

Buona vita a tutti.

P.S. Leggendo la stampa di oggi ed avendo scritto il mio blog ieri, mi vedo costretto ad aggiungere quanto segue : se diritti irrinunciabili di questi pseudo-cattolici ,che hanno perso il senso di “pietas”, sono il decreto Englaro e la soppressione dei diritti inalienabili dell’individuo,cioé del libero arbitrio. Se la perdita dell’etica e morale subita in questi 20 anni di berlusconismo vi pare poca cosa. Allora Letta,nipote dell’eminenza grigia di Berlusconi, e tutti coloro che nel PD desiderano l’ammucchiata, credo subiranno una grave sconfitta.Basti vedere l’affluenza al voto in Molise di ieri. Gli astensionisti sono a sinistra e non vanno a votare candidati voltagabbana!

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia, relazioni internazionali e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.