EUTANASIA ? NO , TOTALE NEGAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO


Lift 2011 - Be Radical - 26

Image by photosfing via Flickr

Un Parlamento che non gode più nel Paese di  alcuna fiducia, che si autosostiene con l’apporto di parlamentari venduti,  si é arrogato il diritto di legiferare su temi fondamentali, direttamente espessione dei più elementari diritti soggettivi ed individuali su cui si basa l’umana convivenza ed appartenenza ad una comunità.

Nient’altro può davvero mandarmi in bestia di fronte allo scempio che si intende fare delle ultime volontà delle persone umane.   Già in un mio precededente blog avevo trattato la materia:  “Libero arbitrio” 27/04/2011.  Come avevo avuto modo di scrivere ,ritengo, e non sono certo il solo, che la libera scelta sia un dogma insuperabile per qualsiasi Corpus iuris che voglia definirsi democratico.

Il cittadino deve essere libero nelle sue proprie intrinseche scelte e sovrano nella sua sfera privata. Il “Living will” ,  come viene definito nella giurisprudenza europea ,o se peferite  “direttive anticipate “, non certo testamento biologico, come viene definito nella classista e fuorviante accezione italiana. Poiché di biologico nelle ultime volontà non c’è niente!          C’é solo desiderio di porre fine alla propria esistenza!  E camuffare con freseologie truffaldine e disoneste  questa definizione é la prima prova di travisamento della volontà. 

L’individuo deve poter essere pienamente libero nello scegliere,di esprimersi  secondo la sua coscienza e secondo l’anamnesi delle cronicità della malattia da cui é affetto, di poter decidere , “le proprie ultime volontà da vivente” . La cui definizione ed espressione é insindacabile. Ultime volontà “espresse in piena coscienza che definiscono l’ambito e le modalità della propria dipartita”.

Questo Parlamento si é arrogato il diritto di definire in termini di Stato Teocratico di stretta matrice giudaico-cristiana, il principio che la vita non é nella disponibilità del singolo individuo! Ma quando mai! Nel 2011 si viene a confutare la sottomissione ad una entità suprema che decide in vece ,o peggio contro le ultime  dispossizioni?

A parte che una tale definizione dovrebbe essere posta in discussione in ambito teologico , quantunque questo fosse il contesto di riferimento,  ma non ha e non può avere valore  in ambito giuridico “erga omnes” di uno stato di diritto  . Ovvero lo Stato laico  può liberalmente consentire a coloro che si richiamano a  religioni monoteiste  di seguirne i dettami e la prassi.  Ma non vedo come, da un tale  invito di fede, possa invece essere declinato un dovere per la totalità dei cittadini italiani.

Qualora ve ne fosse bisogno, per confutare questa cogente interpretazione, sottolineo che secondo vari sondaggi, della stessa C.E.I, i cattolici osservanti sono in Italia il 24% della popolazione residente.. Quindi una minoranza. Poi é chiaro che se si prendono i dati battesimali in un paese di tradizione, il valore é più elevato.

Ma ciò detto, e tenuto conto che qui si tratta di manifestazione di volontà che implica maggiore età, rimangono sempre due dati base che i partiti politici ,tutti , dovrebbero ben tenere a mente .

Uno é la profonda e rapida secolarizzazione dell’Italia in questi ultimi due decenni.  Fattore scatenante del revanscismo idelogico-religioso della Chiesa cattolica romana che sentendosi accerchiata reagisce da par suo dettando dogmi e lanciando anatemi. Al contrario della cristianità generale  che su questo tema assume posizione molto più tolleranti e di rispetto.

L’altro, il dato che risulta  da molteplici sondaggi, circa il 70% degli italiani di fronte al tema dell’eutanasia ritiene che sia praticabile su richiesta del malato quando posto sotto stretta osservanza delle ultime volontà del titolare unico, che é il malato stesso. Quindi senza mediatori ;  Né medico,né rappresentante!

Eh si perché é il malato , colui che deve avere l’ultima parola sul suo proprio destino mondano. Non é assolutamente accettabile che si richiedano pareri tecnico scientifici  per supportare le ultime volontà del malato. Il medico é chiamato a uniformarsi alle volontà del paziente ,non sostituirsi a lui nel giudizio finale.

In fondo questa legge è la summa dell’ipocrisia e ignavia di cui “questi cattolici” si sono sempre resi portatori indefessi. Ancora una volta poi, con somma gioia e letizia ,che a codesti accattoni e peracottari della fede altrui, ricordo che questa legge non ha alcuna copertura finanziaria da parte del servizio Sanitario Nazionale che già  oggi  non ha i mezzi per farsi carico di un numero di pazienti non più in grado di sostenersi in vita. Parliamo di 600.000 Alzheimer nei prossimi 10 anni.

Per gli stupidi ed ignoranti ,demograficamente parlando, parlamentari che hanno votato questa legge, ricordo che 1 giorno di terapia intensiva ha mediamente in Italia un costo di 1.000 euro giorno! Ma a parte i costi inaccettabili per la comunità ,é sostanzialmente incredibile che una minoranza cattolica imponga ad una maggioranza che non lo é ,le proprie visioni fideistiche della vita.

 E qui oltre a considerare che una tale legislazione é contraria allo spirito delle legislazioni dei principali paesi europei ,e che quindi, oltre alla sua incostituzionalità con la vigente Carta ,é ,in principio, contrastante con la legislazione comunitaria , di conseguenza risulta prevedibile il ricorso alla Corte di Giustizia Europea.

Inoltre ogni cittadino può evidentemente opporsi e trasgredire senza alcuna sanzione penale ad una norma del Governo accattone in qualità di disubbidienza civile!

Si supera tale legislazione automaticamente prendendo la residenza in un paese europeo ,attraverso una semplice cancellazione di residenza in Italia ed iscrizione all’Aire, automaticamente iscrivendosi al comune estero del paese di sua scelta. In tal modo gli idioti dei rappresentanti politici ,scelti dalle mafiose segreterie dei partiti italiani, perderanno non solo elettori ,ma la faccia di tolla che hanno, nel ritenersi detentori di poteri di rappresentanza e delega che mai e poi mai nessun cittadino ha loro inteso delegare!

Oltre a rinviarvi al mio precedente blog,  per comparare le legislazioni dei nostri vicini europei in materia di ultime volontà, vi informo inoltre che sono attive in Italia  associazioni ,non a fine di lucro, che aiutano coloro che intendono andarsene da questo mondo in piedi e non in ginocchio ! E qui permettemi di esprimere il mio più vivo elogio a Monicelli per il suo gesto eroico e di suprema intelligenza.

DIGNITAS : Associazione svizzera che ha recentemente ricevuto anche il riconoscimento della Confederazione,  il cui Presidente é l’Avv. Ludwig A . Minelli.

Quest’ultima ha poi in Italia una sua collegata in Italia : EXIT ITALIA . Come indicavo nel mio blog precedente potete rivolgervi a loro per informazioni.     Il loro sito internet é :

www.exit-italia.it

Ma non sarei minimamente soddisfatto, se non prendessi a calci,almeno idealmente , oltre chiaramente a quelle lobbies che in Italia campano sulle disgrazie e le sofferenze altrui:

In primis  le varie istituzioni religiose che in Lombardia ,così come in Veneto, Liguria ed altre regioni italiane detengono circa il 40% delle case di cura ed accoglienza per i malati di : Alzheimer , demenza senile e varie altre patologie totalmente debilitanti e terminali  che in cambio di una “modica spesa di 2000/2500 euro mese” tengono in vita vegetativa anziani ormai in stato comatoso. Queste sono le lobbies che supportano gli On. Binetti, Fioroni e compagnia che in nome di una cultura e fede cattolica ,non hanno nè pietà ,né tolleranza  per la sofferenza umana.

Ecco, tutti coloro che nell’ambito dei partiti di sinistra PD-IDV -SEL  hanno votato a favore di questa legge, approfittando della facoltà di libertà di voto individuale, dovrebbero essere messi fuori dai rispettivi partiti alle prossime elezioni .  Ovvero, se con questa legge elettorale ,posti fuori dalle liste , se con altra legge, non votati dagli elettorati di riferimento.

Sarà mia cura personale  stilare una lista di questi “venduti della fede” . Della loro, non della nostra! 

La loro libertà di fede e di pensiero  non può bypassare , in quanto  rappresentanti ,la libertà dei circa 26.000 elettori che ognuno di essi ,in questo caso “arbitrariamente”, rappresentano. L’invito al Segretario Bersani, al Dr. Di Pietro ed a Nichi Vendola é di immediatamente impostare una battaglia referendaria su questo tema trasversale che interessa tutti i cittadini per una battaglia di libertà.

Questo é tema fondamentale ,come l’aborto ed il divorzio, un mezzo per porre un freno a quella Balena bianca che già si sta muovendo per recuperare il dopo Berlusconi.  In realtà un vertice “segretissimo” indetto dal Card. Bertone la settimana  scorsa si é tenuto in Via Marsala 42 a Roma ,dai Salesiani, a cui hanno partecipato i rappresentanti dell’associazionismo cattolico, nonché i suoi massimi rappresentanti  . Fioroni per il PD, Pisanu per il PDL, Binetti, Cesa e Buttiglione dell’UDC, Bonanni CISL, Pezzotta ecc. Il tema ? La formazione di un nuovo partito cattolico, trasversale all’attuale assetto del PDL , quale formazione della grande ameba del Partito Popolare Europeo.

Ecco queste riunioni sono il prodromo di quell’Italia che dovrebbe essere posta ai margini della società civile perché retrogada, fideistica e collusa con il potere economico istituzionale della S.Sede. Altro che rappresentanti della società civile alla Montezemolo& Charme ……E messa fuori ,certamente fuori , da ogni movimento che  si richiama alla sinistra ed alla laicità dello Stato.  Non si può pensare di progredire come paese e come società fin quando i bigotti , i collusi , i venduti della fede delle ONG ed Onlus delle Confcooperative che appoggiano tali legislazioni  liberticide sono tra di noi .

E’ su questi argomenti  che si devono compiere  scelte chiare . Sarà doloroso? Forse. Porterà via 500.000 voti, o 1 milione ? Va bene lo stesso! Ma quanto astensionismo si recupera ?  La politica ,quella vera, in Italia deve liberarsi di questo fardello ,una volta per tutte .

L’alternativa?  Un’altro inciucio ci attende. E tutto quello che ha il significato di progresso ed indipendenza ,di libertà individuali, dovremo andare a cercarselo ancora una volta fuori da questo paese.

Pronto a mettermi al servizio di questa che considero ormai una battaglia di civiltà, l’ultima,  se non voglio morire democristiano!

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a EUTANASIA ? NO , TOTALE NEGAZIONE DEL LIBERO ARBITRIO

  1. Rossana Citelli ha detto:

    ..Vorrei aggiungere che senza i progressi , gli aiuti ,.. della medicina di oggi…questi malati morirebbero “naturalmente”…come una volta… e nel vero rispetto della Legge Divina.! ,Quindi questa legge non é altro che una grande ipocrisia della Chiesa per ottenere più soldi per i suoi ,si fa per dire, Istituti Religiosi…

    Mi piace

I commenti sono chiusi.