Strumenti comunicativi e strumenti fallocratici !!!


I recenti avvenimenti e la pusillanimità dell’insopportabile primo ministro che purtroppo, e “malgré nous”,  ci rappresenta , mi spingono a raccontarvi una storia vera ed effettivamente  accaduta.  Una storia che in parallelo può offrire più di uno spunto quanto a strategia della comunicazione ed ottenimento di risultati successivi di audience e supporto mediatico.Perché in fondo tutti noi siamo stati trascinati nel mondo parallelo,irreale, del nostro presidente e del suo vissuto.E’ riuscito a portarci tutti nel suo mondo. A misurare e misurarci secondo i suoi parametri.  Non quelli della realtà che ci circonda.

Certo, per cortesia non é Mc Luhan ,ma come voi sapete, quando la media vira al basso, si risponde con argomenti similari per farsi meglio comprendere…………..

Dunque la nostra storia é avvenuta negli anni ’50 durante la guerra di Corea.                Allora si trattava di una politica militare di contenimento per difendere  ed evitare un’invasione delle truppe nord coreane,supportate da quelle cinesi, della Corea del sud.

I grandi strateghi dell’allora U.S. Air Force,consigliati dai servizi segreti americani, del famoso Edgar Hoover, fondandosi sull’immagine di grande potenza, che alla fine della II guerra mondiale, gli Usa avevano acquisito e di cui godevano in tutto il globo, ritennero di doverla accoppiare ad una forza che in Asia ha sempre avuto un grande appeal :                “la potenza sessuale”.   Gli stessi giapponesi durante l’invasione della Cina utilizzarono mezzi similari nello stato fantoccio del Manciukuò.

E cosa mai s’inventarono questi grandi strateghi ?  (Si direbbe che le cose non siano molto cambiate a giudicare dai risultati del Vietnam ,dell’Iraq e dell’Afghanistan odierno! Quanto a conoscenza delle culture ed interpretazioni fornite nel tempo!).

Si convinsero dunque che, vista la statura media del nemico ,allora mediamente 1.55 mt di altezza, occorreva che nella loro immaginazione i cinesi ed i sudcoreani potessero immaginare un nemico potente, di grande statura, di proporzioni gigantesche che incutisse timore, già ancor prima di misurarsi con lui.

Bene, presto fatto, fecero confezionare centinaia di scatole di preservativi espressamente fabbricati con proporzioni tre volte superiori alla media. Questo affinché ,una volta a terra dopo essere stati paracadutati,i nemici potessero confrontare le misure e credere in un esercito di giganti.

Credetemi non sto raccontandovi una bufala. Vi sono prove inconfutabili che centinaia  di queste confezioni furono paracadutate sul terreno di guerra per spaventare il nemico.   Certo la grande macchina  della copertura mediatica si vergogna oggi di tirare fuori dal cassetto l’imbecillità assoluta dei vincitori……..La loro profonda ed incredibile stoltezza e bassezza di yankee da black mountains.

Dei poveri “readnecks”, in gran parte degli Stati del sud degli USA, mandati a morire per difendere gli interessi della grande potenza americana. Non molto diversi da quelli che oggi sono inviati in Afghanistan. Unica differenza ; allora la percentuale di bianchi in quell’esercito era del 70% circa .  Oggi i bianchi rappresentano appena il 30% e sono in gran parte dei latino-americani,il resto sono afro-americani delle bidon ville delle grandi metropoli  che sfuggono al ghetto!  Bene, questo era il concetto,il messaggio che si voleva far passare; grande nemico = grande potenza sessuale.

Ecco che allora voi capirete meglio uno dei messaggi di questo cialtrone che si autodefinisce   ;  “il sogno degli italiani” ,nelle sue varie conversazioni telefoniche con le sue escorts . Si adatta strategicamente a pennello ad una comunicazione rivolta a sudditi che vivono ed interagiscono in una società profondamente affetta da una sindrome fallocratica servilista.

Questa visione del potere = potenza sessuale,   prodotto da una cultura religiosa che ,da un lato confina il sesso ad uso esclusivamente procreativo, e dall’altro lo esalta nella sua storica funzione /visione di peccato.. Questa è la stessa fede che si  scagliò negli anni ’50 contro l’alfabetizzazione di massa.  Povero maestro Manzi!   Che continua a massacrare i diritti essenziali ed individuali degli italiani .Questo  è il potere che ancora oggi sostiene,in nome del suo interesse mondano, esenzione dalle tasse di ogni proprietà e commercio a lei appartenente, il premier attuale, nonostante sia in profondo contrasto con i suoi dettami comportamentali.

Ed allora si comprende come e perché la stampa, in nome di una privacy unilaterale, a stretto uso e consumo di un unico singolo, non abbia il coraggio da anni di metterlo a nudo in quella parte dell’ “Ego atrofico” che lo rende agli occhi della massa un’ulteriore iperbole di potenza, di potere, di inarrivabilità. Un essere capace di “farsi ” caterve di femmine e soddisfarne gli insaziabili appettiti!Uhau.

Ma che bella storia! Auto reggente si direbbe,come le calze usate per i suoi video messaggi.  Un’impressionante icona di esemplare di maschio senza pari ,che riesce a imporsi con ogni mezzo alle avversità del mondo e dei suoi acerrimi nemici.

Peccato che ci sia un neo ,un grande ed enorme neo in tutta questa strutturata storia scenografica. Occorre andare a vedere in quella parte di quel suo tronfio Ego che lo conduce a rappresentarsi e rappresentare tutti noi come dei veri e propri coglioni.                              Si perché la potenza, o pseudo tale ,è il diretto effetto di un sistema a pompa che utilizza per erezioni di media tacca che non soddisfano né lui, né le sue accompgnatrici.                 Che quale unico orgasmo hanno il piacere di ricevere lauti compensi e regalie per soddisfare il suo desiderio di sentirsi ancora un mezzo uomo.

 Ora mi domando, quale maschio normodotato può ragionevolmente invidiare quest’uomo ricco e derelitto ,solo con la sua andropausa galoppante. L’unico serio sentimento e reazione a questa pervicace assordante comunicazione di massa é un’estremo sentimento di penosa pietà e di totale rigetto per la mancanza di dignità di quella parte di uomo che si pone in questa situazione ,che é tragica, e nel contempo comica.   Ma se proprio  si deve, allora basta falsi garantismi,basta con il rispetto non dovuto,occorre sbattergli in faccia tutta la sua inadeguatezza come uomo ,ancor prima di primo ministro.

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia, relazioni internazionali e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.