Le scommesse ,la borsa e l’anno che ci attende!


Cominciamo pure da un dato che rappresenta  chiaramente una spia del malessere della società italiana odierna. Nel 2010 oltre 61 miliardi di euro sono stati spesi tra tutti i tipi di scommesse legali in circolazione sulle  quali  lo Stato percepisce una lauta percentuale. Quindi uno Stato che diviene sempre più biscazziere per far fronte ai vari buchi finanziari. A questi si può tranquillamente aggiungere ,quale quota frizionale alla precedente, circa un 15/20% di scommesse illegali. Stiamo parlando di circa 80 miliardi di euro ,una cifra che rappresenta 3 finanziarie!!!!.

Ciò che lascia perplessi è che gran parte di questa cifra é giocata da persone ultra cinquantenni con redditi e cultura medio-bassi.  Persone che in qualche misura andrebbero tutelate da se stesse.E invece sia lo Stato, che la Chiesa che, in questo Paese resta uno stato nelle stato, non fanno nulla,anzi tacciono nei confronti di un comportamento che sta dilagando in presenza di una crisi economica galoppante. No, si sprecano anatemi contro la non estradizione di Battisti dal Brasile (divertente e veritiera la presa per i  fondelli di G.A. Stella  sulla visita in Brasile di 27 ore l’estate 2010 del nostro Primo Clown!).                      Prime pagine sull’eccidio dei cattolici in Alessandria sui mass- media.                                        Guarda caso solo nazionali   .Niente su CNN,ABC,TF1,ZDF ecc.                                      Migliaia di cittadini italiani s’indebitano per tentare la sorte, pensando di riuscirvi, e la morale delle istituzioni di questo paese é, come direbbe Cetto La Qualunque ;   Iecchisennefutte!!!!     Bene, forse per continuare la parafrasi, in mancanza d’altro pensiamo “Al pilu”!      Certo l’involuzione é in atto ,ma credo fermamente che il solo pensiero non risolva il problema, perché come per il Nostro,  si tratta solo di mera propaganda, vista la prostactomia totale!

Ma lasciamo ancora una volta questa discrasia tra Forma e Sostanza  e parliamo delle prospettive finanziarie che ci attendono nei prossimi mesi. Iniziamo pure dallo strombazzato collocamento delle azioni Fiat. Certo, ci mancava altro che facessero flop nei primi giorni, sostenute come sono dall’ombrello esterno………..Vedremo a sei mesi il comportamento …..  Che si voglia far cassetta é chiaro a tutti. Si desidera prendere peso in Chrysler ed occorre rendere ad Obama i soldi finanziati per la scommessa di riassestare il complesso americano.   Lo scorporo tra Auto e Industrial é un ottimo “scheme” !  Dove l’Auto sembra essere il lato vincente e l’Industrial (CNH,Iveco, Power Train, Marelli ,ecc.) il lato oscuro. Non per niente, già dalle prime battute, il segnale é evidente.                       

Dicotomia che si accentuerà senza dubbio! Soprattutto se ,come appare dalla mosse poste in cantiere, CNH sarà ceduta in toto ,o in parte ,nel medio termine, a Funds americani. E se Iveco sarà oggetto di ripensamenti su  investimenti futuri.      La scommessa sindacale di Marchionne forse riuscirà nel breve,visto che a Mirafiori ,unica azienda del gruppo, la Fiom é in minoranza (di poco)!A Pomigliano ci han provato ,ma …                                                  Ora ci riprovano ,vedremo….Ma ancora una volta questo tipo di relazioni industriali non fanno crescere le aziende. L’innovazione,il team work, la coesione d’intenti,la partecipazione e parziale redistribuzione dei profitti ,come avviene  in Germania, sono l’unico metodo serio e costruttivo di condurre le aziende ed i sistemi paese! Il resto é puro marketing,cioé edulcorazione ed abbellimento di  vecchi concetti.  Alla Lapo…..C’é invece bisogno di vero marketing,quello strategico, di bench,di ricerca e valorizzazione!

Il numero di aziende che si quotano ormai é in caduta libera in Italia.                               Sotto le dieci unità nel 2010,meno ancora nel 2011!La nostra é sempre più una borsa di periferia! Altro che globalizzazione. In un sistema in cui la liquidità é cronica ,la borsa non svolge alcuna funzione d’attrazione,ma di pura e semplice vetrina!Che la Consob sia a Roma ,o a Milano poco importa,la sua attività resta sottotraccia ,asfittica, stretta com’é tra le scatole cinesi e le lobbies politiche! Sarà tra le borse europee quella più penalizzata dalla crisi e dalle vicissitudini interne. Nel 2010 ha perso in 12 mesi il 12,3%!                                    Nel 2011 ,forse riuscirà a chiudere con un 3%. Certo continuiamo a far investire ai coglioni in Bot per sostenere il debito.  Continuiamo a concentrare in pochi istituti bancari il valore e poi però non lamentiamoci……..! 

La borsa tedesca nel 2010 ha realizzato un 21% e nel 2011 dovrebbe raggiungere un ulteriore 10/12%.  Alla faccia dei grandi managers,governanti,oligopolisti di casa nostra ,unici a guadagnarci in questa congiuntura,noi  cittadini ,noi paeseresteremo al palo. 

Nel bell’articolo di Giacomo Vaciago su Repubblica di oggi, si pone ancora una volta l’accento sull’ l’economia che non riesce a crescere se non a tassi dell’1.2%                                 Con questi non si riesce neanche a recuperare le uscite dal mondo del lavoro. Niente in realtà.

Quindi la stagnazione sembra essere la prospettiva…. A condizione che l’inflazione endogena ed esogena non cominci a lievitare………Ci auguriamo che i cittadini prendano coscienza della situazione e che alle prossime elezioni  riescano a modificare la relazione tra rappresentanti e rappresentati, non solo con maggiori vincoli ,ma soprattutto restaurando un minimo di etica in una politica che sembra averla smarrita. Un esempio su tutti :             le primarie!Metodo democratico ,oggi in disgrazia a causa della paura fottuta che il buon Vendola si posizioni in testa ad una partita, oggi ormai irrimediabilmente persa per i maggiorenti del PD , grazie ai numerosi errori commessi ed alla perdita di territorialità.

Occorre un cambio di rotta . Non si vede ancora la linea di quest’orizzonte.                      Certo é che i prossimi 24 mesi, con il prosieguo di una crisi che non lascia spazio a facili ottimismi, dovrebbero rappresentare il banco di prova per modificare, una volta per tutte, gli equilibri su cui si basa l’immobilità economico sociale.

A questo sono chiamate le formazioni politiche,se non vogliono essere spazzate via da uno Tsunami al cui confronto Tangentopoli é una semplice onda anomala!

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia, relazioni internazionali. Contrassegna il permalink.