David e Golia


Sì direi proprio che l’attuale situazione di Wikileaks ricordi questo confronto.

Dovremmo sentirci tutti australiani. Perché  le autorità governative di quel Paese, di cui Assange é cittadino, hanno giustamente colto il punto di tutta questa storia ; l’incredibile superficialità e approssimazione con la quale il governo americano e quindi le sue autorità preposte ,Pentagono, servizi segreti e Segreteria di Stato trattano materiale informativo definibile riservato.

Come direbbe un semplice ciociaro, se questi sono peracottari ,cioé incapaci ,per rendermi  più comprensibile,la colpa a vostro avviso é di  Assange ,o delle autorità  americane. Solo recentemente il buon Obama ha nominato un generale a 4 stelle  a capo del nuovo servizio informatico di lotta alla pirateria informatica e di intelligence sul Web.

Una persona normale si domanderebbe,ma invece di buttare nel cesso miliardi di dollari per armi che non saranno mai impiegate per difese inutili ,perché mai non avete ritenuto opportuno intervenire prime a difesa del sistema informatico?La risposta é da ricercarsi nell’estremo appetito dei grandi produttori di avionica,sistemi a laser,schermature a raggi infrarossi ecc.,ecc.-

Ma a costoro forse non viene in mente perché non é il loro ambito e comunque non é da là che provengono i fondi .Quel che é certo é che invece  cinesi e russi ,nonché terroristi vari possono mettere a repentaglio la sicurezza di tutti noi.

Ecco che adesso la colpa,il capro espiatorio d’eccellenza, diviene il “povero” Assange. Oltre a sembrare una vera bufala, ben orchestrata dai servizi ,quella dello stupro secondo la legislazione svedese “La non utilizzazione ,o il semplice non uso senza richiesta di consenso del preservativo” é da ritenersi quanto meno strana .Roba  che dovrebbero affliggere un cartello all’entrata nel territorio ;aeroporti,confini “Si raccomanda agli uomini di indossare sempre un condom e comunque di chiedere il permesso di toglierlo a chi di dovere” Cose  da matti!Ma direttamente in linea con la libertà sessuale di quel paese!       Un non sense per menti sessualmente ottenebrate, per i latini!

Il libero pensiero  e la libertà di stampa dovrebbero tra l’altro essere considerate vigenti .Ma certo di questi tempi é sempre più difficile far valere tali diritti, quando il peso specifico dei governi diviene sempre maggiore .Attendiamo gli sviluppi di questa storia……E’ certo che la pubblicazione dei dossiers non si arresterà e quindi neanche i conflitti che essa é capace di innescare. Vedremo chi in realtà subirà il danno peggiore.

Veniamo adesso all’apertura della stagione lirica della Scala.

La più bella definizione offerta per questo “marketing  dell’avvenimento perpetuo” é stata quella da Lina Sotis: “un ritorno alla italietta degli anni ’60,con accluso accompagnamento  di contestazione studentesca”.      

Sì, per una volta sono profondamente d’accordo con questa regina del “Bon ton”. Anche lei riesce a disgustarsi di questa manifestazione di incultura programmata dove il contenuto vero é sottratto completamente da questo involucro di lustrini,personaggi da proscenio che ricordano molto da vicino l’immagine che si vorrebbe ancora oggi dare  a quest’Italia.         

Si evidenzia sempre più la dicotomia tra l’Italia reale e quella immaginifica che si tenta di rappresentare . Un’Italia da bere, da veicolare come forma pubblicitaria ……..Anche qui sembra che la società reale,quella che di Wagner conosce a mala pena il nome, e quella di coloro che fanno finta  di conoscere, i benestanti,benpensanti,bengratificati,   ci sia un contrasto evidente che necessita di essere messo a fuoco. E dal confronto tra cultura ,quella vera, e la subcultura rappresentata dai media con e sulle faccie degli invitati passiamo adun altro tipo ,non meno deleterio……

Confronto politico,gazzarra,pollaio di capponi?Quel che é certo é che dobbiamo ancora sorbirci questo melodramma tipico della nostra classe politica che riflette senza dubbio lo stadio raggiunto la .Ma che pena!

E’ non solo straziante vedere ogni sera le news porsi la fatale inutile questione;

governo si ,governo no!Paese dei cachi? Con quel che ne consegue in termini di corollario per il futuro.  In questo caso però , proprio non riesco a scorgere il David,per la verità anche il Golia mi sembra piuttosto acciaccato e rincoglionito.

Finirà tutto  a tarallucci e vino in un grande minestrone, dove purtroppo gli unici a perderci saranno i poveri cittadini?

Speriamo di no !!! Che qualcuno di quei rappresentanti eletti grazie alle segreterie dei partiti si svegli dal torpore della coscienza ed in ultimo grido e scatto d’orgoglio li mandi tutti a farsi fottere

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia. Contrassegna il permalink.