Crisi finanziaria e crisi provinciali di casa nostra


A me sembra proprio che le tesi sostenute da Nouriel Roubini sul modo in cui affrontare la crisi finanziaria di alcuni paesi europei sia più che corretta ,ed a tal proposito ripropone ed amplia  ciò che più modestamente affermavo qualche blog fa circa i prodromi e la cause vere della crisi attuale.

In sostanza i famosi liberali, secondo i quali il miglior regolatore del mercato sarebbe il mercato stesso, non hanno proprio imparato niente dal 18° secolo.Non si comprende perché ad es.i governi europei dovrebbero raccattare i debiti ,o meglio la carta straccia, creata dalle istituzioni bancarie e dagli istituti  finanziari che hanno speculato sulle spalle dei risparmiatori. Cioé da gran liberali quali ritengono di essere affermano che il denaro pubblico deve intervenire per salvare le banche private. Se é  vero che non aiutarle significherebbe mettere in ginocchio un’economia intera,e’ altrettanto vero che, se salvataggio ci deve essere ,questo comporti delle gravi sanzioni per tutti gli appartenenti ai consigli di amministrazione che dovrebbero essere responsabili in solido per le cattive scelte operate.Che il capitale delle suddette banche venga affidato alla Banca centrale e solo allorquando tutte le condizioni poste all’atto dell’intervento saranno esaudite, sarà reso contingentemente ,di biennio in biennio ,a fronte di bilanci congrui.

Non  come avvenuto in USA! Dove a 12 mesi da un intervento di oltre 1000 miliardi di dollari adesso se ne buttano nel gorgo altri 1000 entro giugno 2011. Dal 2009 ,delle grandi banche ,solo una é stata lasciata fallire ;Lehmann  Brothers! E le altre ? A partire da Citycorp,e le grandi istituzioni di credito Goldmann&Sachs?J.P.Morgan? Quelle no? Hanno ricevuto i milioni di dollari della prima tranche FED e si sono arricchiti con la crisi delle altre istituzioni loro concorrenti ,per poi ,nel giro di 12 mesi ,fare il “beau gest” di rendere quanto accordato loro dal governo.

Ma quale “beau gest” ,hanno speculato per oltre 12 mesi con denaro a costo zero, guadagnando fior di miliardi ed infine accordando ai loro executives premi milionari.

Non mi pare questo il modo per arginare il male sistemico che parte dalle banche e ,come un cane che si morde la coda, ritorna alle banche.Occorrono nuove regole .Regole ferree, valide  “erga omnes” a livello europeo ed a livello Usa. Ognuno per se e la finanza per tutti. Quindi le regole sul come bloccare le speculazioni sul nascere dovrebbero essere discusse di pari passo con il sistema per arginare le crisi .Se no finiremo per passare da una crisi all’altra senza soluzione di continuità in un’alternanza di stops and go.Ed il rischio grande che si corre é che i governi stessi rischiano alla fine, essi stessi ,di fare défault!                     La BCE ha seguito una politica intelligente ,al contrario della Fed ,ma oggi i governi europei devono andare al di là degli aiuti spot e mettere insieme una politica monetaria ed un sistema sovranazionale che sia in grado di porre fine allo sbando delle istituzioni nei singoli paesi della UE.

Veniamo  adesso ,per un’ ultima volta, alle crisi provinciali di casa nostra che hanno però una vista diretta sul piano nazionale .Sulle primarie del PD a Milano.                                    Nel mio blog di ieri avevo manifestato l’idea che i veri progressisti hanno vinto le primarie.Perché lo strumento della democrazia diretta é il miglior test possibile per valutare le chances reali dei candidati.Avevo peraltro aggiunto che occorre prima chiarirsi e chiarire ai cittadini quali alleanze e quali programmi,quali obiettivi  dovrebbero essere raggiunti.

Altrimenti si cade nella mera ricerca del leader,del carisma,della persona e si finisce per creare dei berlusconi.La politica é fatta da gruppi di persone capaci,possibilmente oneste ,che amano ciò che fanno.Per coinvolgere  e motivare occorrono persone che sappiano cosa e come fare. Che siano rispettate per queste ragioni. Che possano essere emulate!Siamo oggi in Italia ben lungi da questa tipologia comportamentale. Siamo caduti in basso e la zavorra di ladri e mentecatti che si sono inseriti nel sistema negli anni passati sarà davvero duro da rimuovere.

A maggiore ragione occorre disporre di gente che sappia. Che conosca la macchina dello stato,non degli azzeccagarbugli alla leghista dell’ultima ora!

Ed allora se la disamina degli errori compiuti può aiutare,occorre riposizionare il PD. Occorre rivedere la strategia e soprattutto riconsiderare che con la rinascita del centro tutto cambia. Ed eccoci di nuovo a Milano. Albertini ,ex sindaco degli anni della Milano da bere! L’uomo immagine in mutande si ricandida, e sapete  con chi ? Ma con il centro FLI-UDC-+ rutelliani….!

E la sinistra vuole davvero allearsi con questi? Con della gente che pur di stare al potere e sfruttare il possibile attraverso le mille e una società dell’Opus dei-Comunione e Liberazione,controlla il 30% dell’economia lombarda e che vuole contare sempre di più con i soldi dello stato?No cari amici ,Laicità dello stato e dei finanziamenti e basta con i lobbisti col cilicio. E basta con le false Onlus e società di servizio che sono diventate una cancrena!

Ecco allora che é per questo che quei 68 mila borghesi ,perché borghesi in gran parte erano ;piccoli,medi e grandi,alla faccia di quei dirigenti che affermano il contrario,bastava essere nei seggi per vederli sfilare……hanno votato più a sinistra del partito stesso.    

Perché Bersani,Letta, Franceschini sono degli onesti politici,ma spenti .!E quando, come nell’esercizio retorico, la bravura é intesa come il saper affermare tesi  ed antitesi con la stessa foga ed impegno,bene il pubblico forse non lo vede,ma lo sente!

Se la sinistra vuole davvero sovvertire lo stato di cose attuali e mettersi nelle condizioni di vincere  deve dotarsi di cuore! Ed allora voi già immaginate chi possa avere in mente.Forse sbaglio, forse mi illudo,forse sogno.Ma cos’é la vera politica se non un sogno!

Buona vita a tutti.

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in europa, politica-economia, relazioni internazionali. Contrassegna il permalink.