Sondaggi,primarie e strategie.


Come si suol dire in questi casi ,io c’ero!  Davvero una buona giornata direi, per tutti coloro che ritengono che l’espressione migliore della democrazia sia quella diretta!Ovvero l’espressione  più vera di cittadini che spontaneamente, senza ascoltare i soliti consigli, molto interessati (andate al mare,tanto non si ottiene il quorum,tanto non cambia niente ecc.ecc.) vanno a votare.

Nonostante si tenda sempre a voler fare confronti, ieri la giornata era delle peggiori,ha piovuto da mattina a sera,non era certo caldo e la situazione del traffico non era delle migliori , causa derby serale. Ebbene, ciononostante, circa 68 mila persone si sono scomodate ed hanno voluto esprimere la loro preferenza in rapporto ai 4 candidati in lizza. Ha vinto Pisapia. La sua vittoria non é contro il PD,né contro i suoi elettori. E’ una vittoria di tutti .Se ,come sembra, i responsabili provinciali si dimettono allora fanno bene.Si perché  non hanno capito niente.E non si meritano di stare in un partito che si autodefinisce democratico.

Si può leggere la sua vittoria in vari modi,ma credo che un’analisi attenta possa indicare ragioni assai valide che hanno contribuito alla sua affermazione.

a)In primo luogo Pisapia ha avuto ed ha un collegamento ben radicato sul territorio al contrario di Boeri che, pur essendo un validissimo candidato, é un intellettuale fatto scendere in campo senza avere un contatto diretto con i cittadini.Occorre saper coinvolgere i cittadini non con progetti,ma con realtà!

b)L’impegno civico di coloro che si scomodano e che, badate bene, in gran parte non era di appartenenza popolare,ma di ceto medio e medio alto in termini socio-economici ,ha premiato una scelta identitaria  di sinistra nella scelta del candidato ed anche di programma.Non voglio scomodare il fior fiore dei politologi,ma é assai chiaro che le primarie sono nel contempo un valido esempio di democrazia ed un test di valutazione.Ed il test ha dato un risultato non scontato,anzi il contrario di ciò che sondaggi e stampa raccontavano da giorni!Allora si deve trarre le giuste conclusioni da queste scelte e da questo test.

c)Il problema che si deve porre ora la segreteria del PD é come mutare strategia politica e quindi elettorale. L’errore di fondo é mantenere questa discrasia di valori di sinistra e di fede centrista.Ciò non ha condotto il partito in epoca berlusconiana a guadagnare voti.         Li ha persi! Perché a forza di ricercare i voti centristi ,dei cattolici ,di quella che una volta era definita  maggioranza silenziosa , ha perso di fatto la sua identità !                                     A questo smottamento elettorale  del partito ,dovuto a persone che  non si riconoscono più nelle istanze e nei modi in cui queste ultime vengono portate avanti, che stenta a fare politica  per non scontentare gli “altri”,si é oggi creata un’altra condizione che lo azzoppa ancora di più!                                                                                                                                      Si é ricostituito un centro politico che viaggia tra un 12 ed un 15% dei potenziali voti.          

Il bipolarismo   tanto voluto da PD e PDL é naufragato nei fatti!                                                 La legge elettorale,  creata per sostenere il bipolarismo, é una “porcata” e tale rimane!            E allora, di fronte a questo scenario si deve premiare l’idea di allearsi e trovare alleati che possano mutare il senso e la strategia per vincere.

Bersani,da buon emiliano, é un’ottimo riformatore,persona eccellente,ma non adatto ai tempi.

Nessuno nell’ attuale segreteria é in grado di presentarsi quale candidato premier alle prossime elezioni.   A meno che non si voglia perderle già prima di  presentarsi!    Peggio ancora i dalemiani che hanno fatto terra bruciata al loro passaggio, hanno distrutto l’anima del partito con intellettualismi e bizantinismi degni della Magna Grecia.         Dalema corrisponde esattamente a Buttiglione nell’UDC. Hanno molto in comune, entrambi di Gallipoli,tronfi dei loro successi personali ,ma non di partito ed incapaci di vera strategia politica,solo tatticismi !

Smettiamola di farci male!  Basta con i buonismi ,basta con l’essere pacati !

Occorre una grande prova di umiltà e riconoscere che l’unione con i cattolici non ha prodotto risultati degni. Con i cattolici si può formare un’alleanza,non creare un’unione .

Coloro che vorranno restare ,restino,ma il PD deve rientrare nell’arco europeo dell’Internazionale.Occorre riportare al voto la marea di astensionisti ed indecisi che con l’attuale politica del PD non si sentono rappresentati , o peggio hanno perduto ogni speranza.Occorre recuperare la sinistra che oggi é completamente fuori dal Parlamento.

Ma occorre soprattutto, nella vita quotidiana di ogni cittadino, rimettere al loro giusto posto e valore la funzione del lavoro,il rilancio del sistema produttivo,la ricerca e l’istruzione ed una nuova e più selettiva  allocazione delle risorse.Infine occorre mettere mano ad una decisa azione di redistribuzione delle risorse visto che questo Paese é quello che ha la maggiore ricchezza privata al mondo.

Infine occorre che la laicità dello Stato ritorni di attualità in un paese che sta sempre più secolarizzandosi ,che ha sempre maggiore interesse a dare espressione ai più semplici e profondi diritti individuali ; etica,eutanasia,procreazione assistita,diritti della famiglia,diritto della parità nelle scelte sessuali. Smettiamo di ricercare consenso.

Andiamo a evocarlo , a ricercarlo. Il vero  marketing elettorale oggi non é andare  a rimorchio del conformismo più becero ,ma di andare a ricercare l’aiuto ed il voto con i nuovi mezzi da internet ai forum. Dove si parla all’individuo, non a masse  culturalmente eterogenee.

Siamo in Italia e siamo indietro nell’evoluzione civica .L’etica se é tale deve essere disgiunta da valori religiosi, deve premiare i valori civici.  Ecco perché ,se vuole rinnovarsi e dare voce ai giovani, il PD deve fare delle scelte ,forse difficili ,ma a questo punto ineludibili.

Buona vita a tutti.

 

Annunci

Informazioni su exult49

JOHNS HOPKINS UNIVERSITY - MANY DIFFERENT LIVES- MORE THAN HALF SPENT ABROAD- CRITIC OF THE NOWADAYS ITALIAN WAY OF THINKING NEVERTHLESS OPTIMISTIC ! Leggete, il quotidiano del blog "free": "The exult49 Daily". www.paper.li/exult168/131966546
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.